spot_img
spot_img
HomeCultura e informazioneSantanchè, Ruotolo: "Ha mentito...

Santanchè, Ruotolo: “Ha mentito in Parlamento, si dimetta. Votermo a favore sfiducia”

“Questa destra pensa che il giornalismo d’inchiesta si debba fermare a magnificare le gesta amorali del potere. Non è così. L’informazione è il cane da guardia della democrazia. Vi ricordate il Watergate? Un’inchiesta giornalistica ha fatto dimettere un Presidente americano figuriamoci se non può occuparsi di una ministra che ha usato i soldi pubblici per risolvere i suoi problemi aziendali”. Lo dichiara Sandro Ruotolo, responsabile dell’Informazione del Partito Democratico.
 
“L’informazione non deve essere al servizio dei governanti e se oggi discutiamo delle eventuali dimissioni della ministra Santanchè lo dobbiamo proprio ad una inchiesta giornalistica. Delle eventuali responsabilità penali dell’esponente di Fratelli d’Italia si occuperà la magistratura. Per noi si deve dimettere da ministro senza dover aspettare la conclusione dell’iter giudiziario. Anche ieri in aula infatti ha mentito sapendo di mentire. Ecco perché voteremo a favore della mozione di sfiducia presentata dai 5 stelle. Daniela Santanchè non può restare un minuto in più a rappresentare il nostro Paese”.

Ultimi articoli

Correlati

In Rai arriva l’editto Bortone: il Pd con la giornalista contro lo squadrismo di Fdi

Ruotolo: "I vertici di TeleMeloni dicano che provvedimenti adotteranno verso chi censura l’antifascismo in Rai"

Schlein: solidarietà a Scurati. Questa Rai non è più servizio pubblico, ma megafono del potere

La segretaria Pd alla Repubblica delle Idee: "C'è fastidio per il dissenso, una deriva ungherese'

La Rai ridotta a megafono del governo, oltre i limiti della decenza

Ruotolo: stop all'occupazione dei media, siamo di fronte a un'emergenza democratica

Da Giorgetti e Sangiuliano doppio colpo mortale al cinema

Manzi: "Governo ostile a settore, a rischio investimenti e posti"

Al fianco dei giornalisti delle agenzie Agi e Dire

Ruotolo: non era mai successo che obiettivo dell’attacco all’indipendenza e all’autonomia dei giornalisti fossero due fonti primarie informative
spot_img