spot_img
spot_img
HomeCultura e informazioneIn Rai arriva l'editto...

In Rai arriva l’editto Bortone: il Pd con la giornalista contro lo squadrismo di Fdi

Fiorello ironizza e sull’attaco alla giornalista e conduttrice di Chesarà chiosa: “le affideranno una prima serata per punizione”. Perché davvero ha del surreale lo scomposto attacco della destra che governa quella che ormai è diventata TeleMeloni a Serena Bortone. Dal capogruppo di FdI alla Camera che la invita alle dimissioni, alla stampa amica che dalle pagine di Libero le addebita un flop di ascolti. Con o senza Scurati. Dimenticando del tutto, come già era avvenuto quando la presidente del Consiglio in persona era intevenuta per contestare il compenso che lo scrittore avrebbe ricevuto per il monologo sul 25 aprile, gli importi stellari che erano costati altrettanto stellari flop, con conseguenti chiusure di programmi, false partenze, progetti mai nati. Vedi alla voce Avanti popolo. Vedi in rubrica alla voce Pino Insegno, uno per cui ne sono state provate di tutte. Evidentemente nostalgici dei bei tempi degli allontanamenti per editto, non paghi dell’effetto a cascata che ha visto andare su altri lidi, dall’aria meno irrespirabile, tante tanti protagonisti della tv pubblica, poco graditi alla maggiornaza di governo. E con loro, ascolti e introiti economici.

Il caso Bortone, che nei termini in cui si è svolto non sembra potere essere definito che un caso di censura, arriva dopo analoghi interventi censori sull’emittenza pubblica. Nessuno avrà dimenticato il comunicato dei vertici Rai fatto leggere da Mara Venier all’indomani dello scorso Sanremo. L’urgenza era dissociarsi dalle dichiarazioni di due cantanti: Ghali e Dargen D’Amico. E guarda un po’, l’ultimo addio eccellente in ordine di tempo è proprio quello del conduttore più di successo delle ultimi decadi sanremesi: Amadeus. Che però è uscito senza voler fare polemiche, o post derisori, o vittimistici, sui social.

A fianco di Serena Bortone contro gli attacchi squadristici di FdI

“Ci mancava l’editto Bortone per nascondere l’indifendibile censura dell’antifascismo nella Rai meloniana”, commenta il responsabile Cultura e Informazione della segreteria dem, Sandro Ruotolo. “Adesso il partito della fiamma tricolore chiede il licenziamento di Serena Bortone, la conduttrice di Chesarà di Rai Tre, colpevole di aver annunciato sui social la decisione aziendale di annullare il monologo di Antonio Scurati sul 25 aprile che doveva andare in onda nel suo programma”.

“Come Partito Democratico, continua Ruotolo, difendiamo Serena Bortone dagli attacchi squadristici di Fratelli d’Italia e chiediamo con insistenza di sapere dai vertici aziendali come pensano di chiedere scusa ad Antonio Scurati e all’opinione pubblica. Aspettiamo che i vertici di TeleMeloni dicano in commissione parlamentare di Vigilanza che provvedimenti intendano adottare nei confronti di coloro che hanno censurato l’antifascismo in Rai”.

Meloni riferisca in Aula

La presidente del Consiglio Giorgia Meloni riferisca in Aula alla Camera sul caso Scurati. Lo hanno detto prendendo la parola a Montecitorio i deputati Andrea De Maria (Pd), Elisabetta Piccolotti (Avs), Riccardo Ricciardi (M5s) e Valentina Grippa (Az). Nella maggior parte degli interventi i deputati di opposizione, anche in vista del 25 aprile, hanno chiesto inoltre da parte della premier una presa di posizione “chiara” sull’antifascismo.

Il caso Scurati, pesantissimo scivolone che segnala una deriva autoritaria

“Il caso Scurati è uno scivolone pesantissimo che segnala una deriva autoritaria in Rai senza precedenti”, denuncia, in un’intervista al Corriere della Sera, Stefano Graziano, capogruppo Pd in Commissione di vigilanza Rai. “Non è che in passato non ci siano mai stati errori ma qui siamo passati ad una logica in cui l’occupazione prevale sull’impegno a fare servizio pubblico. Gli adii di tanti personaggi segnalano un clima in cui è diventato difficile lavorare. È un declino cui nessuno sembra porre rimedio”, sottolinea Graziano, ricordando che “c’è un canone tagliato ed una carenza di investimenti che mette a rischio la trasformazione della Rai in Digital media company. C’è un quadripolio dove prima c’era un duopolio. Proprio per questo l’occupazione non ha senso”. E sull’affaire Bortone spiega: “Noi chiediamo che venga fatta un’istruttoria senza sconti sul caso Scurati; mi pare che i ‘motivi editoriali’ della cancellazione di Scurati parlino da soli. È paradossale chiedere le dimissioni della Bortone che ha denunciato la censura”.

Il Pd chiede audizione di Bortone e Corsini in vigilanza su Scurati

Graziano ha scritto alla presidente della Commissione di vigilanza Rai Barbara Floridia per chiedere di programmare rapidamente l’audizione della conduttrice Serena Bortone e del direttore approfondimento Rai, Paolo Corsini.

Ultimi articoli

Correlati

No al premierato, autocrazia che minaccia la tenuta democratica

Contro "la madre di tutte le riforme" in salsa Meloni il Pd è impegnato nello scontro parlamentare, emendamento su emendamento, e sarà in piazza il 2 giugno

La proposta di legge Schlein è un’opportunità: la destra la voti per avere più risorse per la sanità

L'esame della proposta di legge a prima firma Elly Schlein sulla Sanità alla Camera "è una bella opportunità. Questa è la prima e più forte preoccupazione degli italiani"

Congedo paritario pagato al 100% per entrambi i genitori

Schlein: "La destra al Governo parla tanto di famiglie tradizionali, ma non fa nulla per tradurre la sua retorica in realtà"

Zan: “L’Italia è l’ultimo Paese fondatore Ue senza una legge, la destra vigliacca tenta di nascondere la sua omotransfobia”

Difendere i diritti, la dignità e le vite delle persone lgbtqia+ significa anche difendere la nostra Costituzione. Noi ci siamo.

Contro povertà e crollo dei salari, salario minimo subito

I dati Istat di oggi denunciano il crollo verticale dei salari a fronte di crescita dei prezzi e aumento della povertà assoluta. Il governo non può continuare a voltare la faccia
spot_img