spot_img
spot_img
HomeCultura e informazioneRuotolo: "Destre pigliatutto in...

Ruotolo: “Destre pigliatutto in Rai ma poi fanno disastri continui”

Dopo le frasi sessiste scritte in un articolo sul caso di La Russa junior e una lunga meditazione, l’ad Sergio ha sciolto le riserve cancellando la striscia quotidiana di Filippo Facci. Sandro Ruotolo, giornalista, senatore e responsabile per l’Informazione, le Culture e la Memoria del PD, secondo lei com’è stata gestita questa vicenda dalla Rai?
“Beh è stata gestita con grande incertezza. Sull’editorialista di Libero c’è tutta una serie di fatti, diciamo di curricula, che erano noti da tempo. I post sessisti di Facci contro Michela Murgia si conoscevano, come anche la sua sospensione da parte dell’Ordine dei giornalisti per le frasi razziste contro l’Islam. Alla luce di tutto ciò, si poteva evitare di pensare a Facci fin dall’inizio. Per fortuna hanno capito l’errore, ponendovi rimedio. Dal canto nostro noi del PD abbiamo continuamente invitato la Rai a cambiare posizione su Facci per il bene dell’azienda perché, forse qualcuno lo dimentica, il servizio pubblico è un bene di tutti. Del resto se consenti la conduzione di un programma, non l’ospitata, a un giornalista che esterna posizioni razziste e sessiste, commetti un errore madornale. E faccio presente che in questo caso non si trattava di difendere il punto di vista di un intellettuale perché quelli sono crimini visto che il sessismo e il razzismo non sono opinioni.
 

Oggi è scoppiato anche il caso della telecronaca della finale dei Mondiali di Fukuoka della gara di trampolino femminile sincronizzato, dove Leonardo Leonarduzzi avrebbe utilizzato frasi sessiste e razziste. Che effetto le fa questa nuova grana?

“Ma è un caso? Io ho visto la dichiarazione del cronista che ha chiesto scusa al pubblico dicendo che si è lasciato andare un po’ troppo. Però rilevo che questo signore qui ha un precedente perché nel 2020, anche questa volta in diretta, ha fatto una battuta sessista. E segnalo che Leonardo Leonarduzzi nel 2018 su Facebook, nell’anniversario del compleanno di Adolf Hitler, gli ha fatto gli auguri di compleanno. Per una persona del genere mi auspico che si istruisca un procedimento disciplinare, poi si faranno le valutazioni in merito alla gravità. È questo il servizio pubblico che vogliamo?”.
 
“Le destre, invece, hanno preso possesso di tutto e senza attendere i tempi naturali. Per giunta stanno inciampando in errori incredibili al punto che sembra di essere in presenza di un’armata Brancaleone. Ma non è così perché l’ad Sergio e il dg Rossi non sono gli ultimi arrivati, anzi sono persone esperte che conoscono bene la Rai”.

Ultimi articoli

Correlati

In Rai arriva l’editto Bortone: il Pd con la giornalista contro lo squadrismo di Fdi

Ruotolo: "I vertici di TeleMeloni dicano che provvedimenti adotteranno verso chi censura l’antifascismo in Rai"

Schlein: solidarietà a Scurati. Questa Rai non è più servizio pubblico, ma megafono del potere

La segretaria Pd alla Repubblica delle Idee: "C'è fastidio per il dissenso, una deriva ungherese'

La Rai ridotta a megafono del governo, oltre i limiti della decenza

Ruotolo: stop all'occupazione dei media, siamo di fronte a un'emergenza democratica

Da Giorgetti e Sangiuliano doppio colpo mortale al cinema

Manzi: "Governo ostile a settore, a rischio investimenti e posti"

Al fianco dei giornalisti delle agenzie Agi e Dire

Ruotolo: non era mai successo che obiettivo dell’attacco all’indipendenza e all’autonomia dei giornalisti fossero due fonti primarie informative
spot_img