spot_img
spot_img
HomeAmbienteMo, Corrado: "Per indipendenza...

Mo, Corrado: “Per indipendenza energetica l’unica strada è transizione”

I fatti drammatici che stanno sconvolgendo il Medio Oriente, tutte e tutti noi, hanno riportato alla ribalta, ancora una volta, l’instabilità dei mercati dell’energia e la difficoltà di trovare interlocutori ‘affidabili’ e scevri da comportamenti lesivi dei diritti umani, in chiave anti-Putin. Con l’Algeria che si schiera a supporto di Hamas, a pochi giorni dai fatti dell’Azerbaigian, il piano del governo Meloni di rendere l’Italia un fantomatico ‘hub del gas’ mostra tutte le sue crepe e ipocrisie”.
 
Lo dichiara Annalisa Corrado, responsabile Conversione ecologica, Clima, Green economy e Agenda 2030 del Pd.
 
“Non ci stancheremo mai di dirlo: l’unica forma di recupero della nostra indipendenza energetica, economica e geopolitica è una rapida e radicale transizione energetica verso un sistema efficiente, dinamico e a trazione rinnovabile. Non c’è altra via – spiega – per liberare il nostro Paese tanto dai ricatti di mercati instabili e speculativi, quanto dalla dipendenza da governi opachi, se non esplicitamente liberticidi e incuranti dei diritti civili della popolazione.
 
Preoccupa, in tutto ciò, la dinamica del prezzo del petrolio, mentre quello del gas torna a crescere sensibilmente. In molti temono una nuova stangata, che si ripercuoterebbe immediatamente sulla competitività delle imprese e sulle tasche di cittadine e cittadini, il cui potere di acquisto è in caduta libera. Risulta folle e incomprensibile, in questo scenario instabile, ostinarsi a non voler prorogare il mercato tutelato luce e gas per oltre dieci milioni di utenti”.
 
“Abbiamo bisogno di una strategia seria e rigorosa, attenta alle fasce più fragili della popolazione e al sostegno alle economie in trasformazione, che ci porti a progettare e costruire rapidamente il phase-out dalle fonti fossili, ivi compreso il gas metano.
 
Con buona pace del governo Meloni, i cui accordi internazionali continuano a fallire, non abbiamo altra strada che questa. Continuare ostinatamente a fingere di essere nel Novecento non ci aiuterà. Anzi. Non potrà che portarci a sbattere”, conclude Corrado.

Ultimi articoli

Correlati

Sulla pericolosità del Ponte sullo Stretto si susseguono le evidenze: per Salvini è tutto normale

Corrado: "Il progetto del ponte di Salvini è fallimentare e pericoloso: lo abbiamo detto fin da subito. È ora di metterci la parola fine"

Prezzi del gas impazziti: è la tassa Meloni

Una vera e propria mazzata per moltissime famiglie. Il governo non governa, e nasconde la testa sotto la sabbia

Ponte sullo Stretto, progetto arrogante e fallimentare. Un ecomostro irrealizzabile

Il Partito democratico ha effettuato un'analisi dettagliata e molto critica sul progetto di costruzione del Ponte sullo Stretto di Messina, evidenziando numerose irregolarità procedurali e potenziali impatti negativi

“Acqua e Sole, un connubio perfetto”

Alla Camera un approfondimento dedicato ai bacini idrici. Corrado: dobbiamo avere un approccio sistemico alle sfide più importanti dei nostri tempi

Iniziano gli espropri per il Ponte della propaganda. Pd: “Prima servono risposte certe”

Elly Schlein: "Perché tutta questa fretta? È una fretta che sembra elettorale che però non ha a cuore il vero destino di questa comunità"
spot_img