spot_img
spot_img
HomeAmbienteVajont, PD: "Per onorare...

Vajont, PD: “Per onorare le vittime, prevenzione e risposte alla crisi climatica”
V

“Se vogliamo davvero imparare la lezione del disastro del Vajont dobbiamo impegnarci ogni giorno a non ripetere gli stessi errori. Ricorrono oggi i sessant’anni dal più grande disastro italiano causato da mano umana. Nella frana che alle ore 22.39 del 9 ottobre 1963 si staccò dal monte Toc, morirono 1910 persone tra cui 487 ragazzi.
 
Non fu una ‘catastrofe naturale’ bensì una strage con colpevoli, rintracciabili in una lunga stratificazione di responsabilità: dalla progettazione scellerata, passando per la sottovalutazione degli allarmi, fino alla mancata evacuazione. Non è bastata quella ecatombe per evitare che altre stragi si ripetessero nel nostro Paese, da Sarno a Casamicciola, dalla Versilia, al Piemonte, alla Val di Stava, dalla Liguria alle Marche, fino alla Sardegna e alla Sicilia, sono state centinaia le vittime che si potevano salvare.
 
Di Vajont ce ne sono state e altre ce ne saranno se non smetteremo di pensare di poter imbrigliare l’ecosistema a nostro piacimento, finché non rallenteremo la corsa alla cementificazione e al consumo di suolo e finché non investiremo seriamente in tutela del territorio.
 
Mostreremo di poter onorare davvero la memoria delle vittime, se metteremo al centro la prevenzione e l’adattamento agli eventi metereologici estremi, se interverremo sulla fragilità idrogeologica del Paese, se ridurremo i rischi, amplificati in maniera inedita dalle conseguenze della crisi climatica”.
 
Lo dichiarano in una nota congiunta Annalisa Corrado, responsabile Conversione ecologica, clima, green economy e Agenda 2030 nella segreteria del PD e Sandro Ruotolo, responsabile Culture e memoria nella segreteria Pd.

Ultimi articoli

Correlati

02:50:31

Acqua e terra nella crisi climatica. Una nuova governance per il territorio

Seminario a cura del dipartimento Conversione ecologica, Clima, Green Economy e Agenda 2030 del Partito Democratico

La censura della Rai agli artisti di Sanremo è un fatto gravissimo

Una pagina nera del servizio pubblico che teme e censura gli artisti
00:11:03

Non cancellare il passato vuol dire conoscerlo e capirlo. Non si piega la storia a proprio vantaggio

Gianni Cuperlo interviene in Aula in occasione del voto sul Giorno del Ricordo, giornata dedicata alla memoria delle vittime delle foibe

“Basta propaganda e attacchi al giornalismo d’inchiesta. Occorre liberare la Rai”

In centinaia al presidio del PD davanti alla sede Rai per protestare contro un servizio pubblico trasformato in Telemeloni

Caccia, Corrado: Le proposte della Lega sono irricevibili, daremo battaglia a tutela ecosistema e biodiversità

Alla Lega di Salvini non basta nemmeno il novecento, vogliono tornare alle caverne
spot_img