spot_img
spot_img
HomeDirittiUniversità, Majorino: “Santanché su...

Università, Majorino: “Santanché su affitti non ha voluto coinvolgere sindaci”

“Nardella mette il dito nella piaga riguardo il decreto sugli affitti brevi e ha perfettamente ragione. Il Ministro Santanché ha presentato un provvedimento all’acqua di rose e non ha voluto, al momento, coinvolgere i sindaci”. Lo sostiene Piefrancesco Majorino, capogruppo del Pd nel consiglio regionale della Lombardia e membro della segreteria nazionale del partito con delega al Diritto alla Casa.

 

Majorino è intervenuto sulla dichiarazione del sindaco di Firenze Dario Nardella sul decreto affitti brevi. “Chi meglio dei primi cittadini – continua – delle città maggiormente attrattive e delle città metropolitane per affrontare in maniera organica una situazione che sta creando tensioni sociali?”.

 

Il tavolo con Anci e i sindaci delle città metropolitane e più direttamente coinvolti dal fenomeno degli affitti brevi deve, secondo Majorino, essere aperto “quanto prima per recuperare il tempo sino ad ora perso. Non si può”, sottolinea, “perpetuare l’errore di pensare che una situazione così complessa si risolva con provvedimenti centralisti e incapaci di analizzare il contesto. Il rischio all’orizzonte” conclude “è che il decreto si dimostri  inefficace e insufficiente rispetto alla complessità del tema da affrontare”.

Ultimi articoli

Correlati

Schlein: “Assurdo che sia l’unica donna al G7 a limitare i diritti di tutte le altre donne”

La segretaria del Pd a Repubblica: "Dobbiamo costruire un piano alternativo di governo, non è il momento di perderci in polemiche: l'avversario è questa destra"

La proposta di legge Schlein è un’opportunità: la destra la voti per avere più risorse per la sanità

L'esame della proposta di legge a prima firma Elly Schlein sulla Sanità alla Camera "è una bella opportunità. Questa è la prima e più forte preoccupazione degli italiani"

Zan: “L’Italia è l’ultimo Paese fondatore Ue senza una legge, la destra vigliacca tenta di nascondere la sua omotransfobia”

Difendere i diritti, la dignità e le vite delle persone lgbtqia+ significa anche difendere la nostra Costituzione. Noi ci siamo.

Giù le mani dalla 194: sul corpo delle donne decidono le donne

Difendiamo i nostri diritti contro una destra che tenta di smontare pezzo per pezzo la legge 194

L’aborto nella Carta dei diritti Ue, la destra vota contro e si schiera contro i diritti delle donne

Il diritto all'aborto sia aggiunto alla Carta dei diritti fondamentali dell'Ue: è quanto chiede l'Eurocamera. La destra vota contro
spot_img