spot_img
spot_img
HomeScuola e UniversitàScuola, Manzi: "Il commento...

Scuola, Manzi: “Il commento di Valditara su divari Nord-Sud è davvero sorprendente”
S

“Il commento sui dati Invalsi del Ministro Valditara è davvero sorprendente. Ha parlato giustamente di dati preoccupanti con l’Italia divisa in due a causa del forte divario tra Nord e Sud. Allora ci dovrebbe spiegare le ragioni per cui il suo governo con il progetto di autonomia differenziata e la regionalizzazione della scuola sta lavorando alacremente per allargare queste disuguaglianze. Se fossero angosciati come noi per le ragazze e i ragazzi del Sud le cui opportunità formative e occupazionali saranno infinitamente minori e ulteriormente ridotte rispetto a quelle delle studentesse e degli studenti delle aree più avvantaggiate del Paese, si fermerebbero. Invece, di annunciare continuamente lo stanziamento di risorse, lo facciano. Altrimenti sono solo parole e i dati Invalsi di oggi ci dicono che è urgente passare ai fatti”.
 
Così Irene Manzi, responsabile Scuola del PD.

Ultimi articoli

Correlati

La scuola targata Meloni: una patina di sovranismo e disciplina a coprire il nulla

Tutto fumo negli occhi per nascondere che la scuola non è la priorità di questo governo, se non come strumento di controllo e punizione

“Un’educazione di qualità, inclusiva e per tutti”. Messa a rischio dal ddl Calderoli

D'Elia: "La deriva regionalizzatrice della scuola imposta dall’Autonomia differenziata può costituire la fine dell’unità nazionale,creando cittadine e cittadini di serie A e di serie B"

CRUI, D’Attorre: “Auguri a Innantuoni, l’Università torni al centro del dibattito politico”

"Auguri di buon lavoro alla professoressa Giovanna Iannantuoni, appena eletta Presidente della CRUI. Per la prima volta in...

Milleproroghe, D’Attorre: “Sugli assegni di ricerca ennesima toppa di un governo incapace”

È necessario lavorare a un piano straordinario per dare sbocco alla grande quantità di posizioni precarie che si stanno attivando di qui al 2026 con i fondi PNRR

Manzi: “Il liceo del Made in Italy è stato sonoramente bocciato”

Un flop bocciato da famiglie, docenti e dirigenti scolastici: le riforme della scuola ispirate alla propaganda non funzionano
spot_img