spot_img
spot_img
HomeEuropa e MondoProvenzano: "Buon lavoro al...

Provenzano: “Buon lavoro al nuovo CGIE. Complimenti a Schiavone per la rielezione”

“Si sono conclusi oggi, alla Farnesina, i lavori della prima sessione del nuovo Consiglio Generale degli Italiani all’estero (CGIE). Alle consigliere e ai consiglieri esprimiamo i migliori auguri di buon lavoro per tutti e cinque gli anni della consigliatura”. Lo dichiara Giuseppe Provenzano, responsabile Esteri, Europa, Cooperazione internazionale del Partito Democratico.
 
“Il CGIE, assieme ai Comites, ai parlamentari eletti all’estero, alla grande rete di associazioni italiane nel mondo, svolge un ruolo decisivo per la tutela e la valorizzazione degli oltre sei milioni di italiani residenti all’estero e delle decine di milioni di italodiscendenti. Il Partito Democratico, da sempre, sostiene con forza e convinzione il lavoro di tutti gli organismi che operano per i diritti e la dignità dell’emigrazione italiana nel mondo”.
 
“Grande soddisfazione – conclude Provenzano – per la rielezione di Michele Schiavone a Segretario Generale del CGIE. Schiavone ha saputo rappresentare con forza e autonomia le battaglie delle nostre Comunità nel mondo e ciò è stato chiaramente riconosciuto anche dal nuovo CGIE”.

Ultimi articoli

Correlati

Inaccettabile quello che è accaduto a Rafah. Bisogna fermare la follia di Netanyahu

Subito cessate il fuoco e riconoscimento dello Stato di Palestina

L’Europa che vogliamo – Manifesto elettorale 2024

Il programma elettorale del Partito democratico per le elezioni europee

La “Berlin Democracy Declaration” del Partito dei Socialisti Europei

La dichiarazione di Berlino sulla democrazia adottata dal Pes: Non coopereremo mai, né formeremo mai una coalizione con l’estrema destra!

Schlein: Il 25 aprile a Milano, migliore risposta a ogni revisionismo

La sgretaria dem in due lunghe interviste su Corriere della Sera e Manifesto sull'Europa che vogliamo e sull'Italia repubblicana che difendiamo

Netanyahu va fermato, la strage degli operatori umanitari a Gaza non si liquida come tragico errore

Sette operatori della ong World Center Kitchen uccisi dall'esercito israeliano a Gaza, gli attacchi militari in Siria e in Libano, l'oscuramento di Al Jazeera. Netanyahu va fermato subito
spot_img