spot_img
spot_img
HomeEuropa e MondoA Gaza un'apocalisse, il...

A Gaza un’apocalisse, il governo è scomparso. L’Italia riconosca lo Stato di Palestina

“I 270 giorni trascorsi dal 7 ottobre 2023 hanno trascinato il Medioriente e mostrato al mondo intero ciò che il governo non ha il coraggio di chiamare catastrofe. È vero non lo è. È peggio! È un’apocalisse! Decine di migliaia di vittime, stragi di bambini e fuggiaschi, tonnellate di bombe, macerie e scorie per decenni, milioni di sfollati, morti di sete, di fame e di malattie in un recinto di pochi km quadrati. Il governo israeliano guidato da Netanyahu, governato dall’estrema destra e composto da ultra-nazionalisti, fanatici religiosi e fascisti dichiarati come il ministro Smotrich, dal 7 ottobre ha messo in atto una rappresaglia atroce e senza alcun limite conducendo una guerra non al terrore ma a un intero popolo e questa scia di sangue ci chiama a una responsabilità politica, non solo morale”. Lo dichiara il deputato dem Giuseppe Provenzano, responsabile Esteri del Pd, intervenendo a Montecitorio durante la discussione delle mozioni sul riconoscimento dello Stato di Palestina.

“Mesi fa l’Aula – ha continuato Provenzano – su iniziativa del Pd, si è mossa unanimemente sul cessate il fuoco. Questo obiettivo permane ma oggi c’è bisogno di più perché nessuno dei 6 pronunciamenti dell’Onu, una risoluzione del Consiglio di Sicurezza, le richieste degli Usa e quelle, tardive, dell’Ue, gli appelli di tutti i principali Stati del mondo sono caduti nel vuoto. Ci troviamo di fronte ad un fallimento. Tutto questo sta minando la credibilità della Comunità internazionale e crea una spirale di insicurezza e instabilità mondiale. Un’eventuale escalation ai confini con il Libano metterebbe a rischio il nostro contingente militare Unifil presente per una strategica missione di pace”.

“Siamo preoccupati dall’inerzia del governo italiano. Mentre riceviamo rassicurazioni, la presidente Meloni è letteralmente scomparsa: laddove scarseggiano le foto opportunity, lei non c’è. L’ultimo atto di questo governo è stata l’astensione al voto Onu sull’ammissione della Palestina come membro delle Nazioni Unite. Un grandissimo errore. Noi siamo qui per chiedere una cosa chiara: l’Italia riconosca lo stato di Palestina. Accanto al diritto di esistere di Israele, è necessario che i palestinesi abbiano un loro Stato, libero dall’occupazione, in cui esercitare democrazia e autodeterminazione. Due popoli e due Stati, basta vuota retorica e ipocrisia. Oggi, perché domani tutti saremo chiamati a rendere conto”, ha concluso Provenzano.

Ultimi articoli

Correlati

I bambini in carcere sono una vergogna da cancellare

I parlamentari Pd in visita a Rebibbia: i nostri emendamenti al decreto carceri per umanizzare le carceri e liberare finalmente i bambini

Per le aggressioni neofasciste troppa impunità. Con la destra al potere escalation di violenza

Schlein: "Solidarietà e vicinanza al cronista Joly. Cos'altro aspettiamo per sciogliere le organizzazioni neofasciste? Meloni intervenga"

La divisione del governo italiano su Von der Leyen mostra la sua totale irrilevanza

La segretaria Schlein in piazza a Genova con le altre opposizioni: "Cosa aspetta Meloni a chiedere le dimissioni di Toti?"

Schlein: Sulla sanità Meloni dia risposte e si ricordi che è al governo

La segretaria del Pd replica a Ciriani: "Il ministro lavori per trovare soluzioni condivise. La nostra proposta è semplice, e resta sul tavolo"

Salva-casa: siamo alla sanatoria ammessa sempre e comunque

In Aula alla Camera un decreto che allarga ancora il perimetro della sanatoria. Braga: "Mai così avanti, è deregulation totale"
spot_img