spot_img
spot_img
HomeEuropa e MondoFrancia, le forze democratiche...

Francia, le forze democratiche e progressiste possono battere il nazionalismo

Il Rassemblement national (Rn) di Marin Le Pen e Jordan Bardella, alleato con i Repubblicani di Eric Ciotti, è risultato il primo partito al primo turno delle elezioni legislative di domenica 30 giugno in Francia con il 33,15% dei voti espressi, ovvero più di 10 milioni di preferenze.

Secondo i dati definitivi annunciati dal ministero dell’Interno francese, il Nuovo fronte popolare, unione della sinistra, ha ottenuto il 27,99% dei voti, pari a quasi 9 milioni di preferenze. La maggioranza presidenziale, Ensemble e il suo alleato Horizons, hanno raccolto il 20,76% dei voti, con quasi 7 milioni di preferenze. L’affluenza al voto è stata del 66,7%.

Un risultato che lascia aperti tutti gli scenari in vista del secondo delle elezioni, che avrà luogo il prossimo 7 luglio. “L’estrema destra avanza ma non sfonda – ha sottolineato il responsabile Esteri del Pd Peppe Provenzano – non ha la maggioranza assoluta e si può battere. Tutte le forze democratiche e progressiste si uniscano per scongiurare quello che rappresenterebbe un danno per la Francia e anche per l’Europa, e dunque pure per noi perché il nazionalismo è contro l’interesse dell’Italia”.

Secondo la capogruppo dem alla Camera Chiara Braga, “in Francia si gioca il futuro dell’Europa e delle democrazie liberali come le abbiamo conosciute. Libertà di stampa, stato di diritto, magistratura indipendente. Un argine in Francia è un argine in Europa, ieri contro Putin domani contro Trump, la destra va fermata“.

il presidente dell’Emilia-Romagna e del Pd Stefano Bonaccini, neoeletto in Europa, ha posto l’accento sul fatto che “il voto francese dimostra che, nonostante la forte affermazione del Rassemblement National, esiste un’alternativa democratica, progressista e repubblicana che può diventare maggioranza“.

Ultimi articoli

Correlati

I bambini in carcere sono una vergogna da cancellare

I parlamentari Pd in visita a Rebibbia: i nostri emendamenti al decreto carceri per umanizzare le carceri e liberare finalmente i bambini

Per le aggressioni neofasciste troppa impunità. Con la destra al potere escalation di violenza

Schlein: "Solidarietà e vicinanza al cronista Joly. Cos'altro aspettiamo per sciogliere le organizzazioni neofasciste? Meloni intervenga"

La divisione del governo italiano su Von der Leyen mostra la sua totale irrilevanza

La segretaria Schlein in piazza a Genova con le altre opposizioni: "Cosa aspetta Meloni a chiedere le dimissioni di Toti?"

Schlein: Sulla sanità Meloni dia risposte e si ricordi che è al governo

La segretaria del Pd replica a Ciriani: "Il ministro lavori per trovare soluzioni condivise. La nostra proposta è semplice, e resta sul tavolo"

Salva-casa: siamo alla sanatoria ammessa sempre e comunque

In Aula alla Camera un decreto che allarga ancora il perimetro della sanatoria. Braga: "Mai così avanti, è deregulation totale"
spot_img