spot_img
spot_img
HomeEconomia e lavoroPrivatizzazioni, Misiani: “Meloni svende...

Privatizzazioni, Misiani: “Meloni svende il Paese. Su industria e finanza il Governo non ha una strategia”
P

La premier Giorgia Meloni ha confermato, ieri, la volontà di procedere con un piano di privatizzazioni da qui ai prossimi tre anni, ribadendo l’obiettivo ambizioso di cedere 20 miliardi di asset di società partecipate e di società interamente gestite dallo Stato entro il 2026.

Senatore Misiani, come giudica la strategia del Governo per le privatizzazioni?

«La giudico sbagliata nel metodo e nel merito, anche perché a oggi non esiste un vero e proprio piano di privatizzazioni. O perlomeno in Parlamento non lo abbiamo visto: non c’è infatti un elenco delle aziende interessate né da una ipotesi delle quote che il Governo intenderebbe cedere né un disegno di politica industriale legato al piano di dimissioni.

Se le cose rimarranno così, pertanto, quella del Governo non sarà altro che un’operazione che, per fare cassa, porterà alla svendita di pezzi pregiati del sistema produttivo italiano. In altre parole, una vera e propria abdicazione dello Stato verso gli obiettivi di politica industriale».

Contesta al Governo, dunque, una mancanza di visione strategica?

«Basta guardare quanto è avvenuto, a fine novembre, con la cessione del 25% di Mps. La cessione è avvenuta a 2.92€, senza che ci fossero vincoli stringenti da Bruxelles per le tempistiche; oggi i titoli quotano 3.23€. Sarebbe bastato aspettare qualche mese e lo Stato avrebbe ricavato oltre il 10% in più dall’operazione.

Un altro nodo critico, poi, è dato dal fatto che per molte delle società in questione, il risparmio – in termini di minori interessi sul debito pubblico derivanti dalla cessione – rischia di essere inferiore ai dividendi a cui si andrebbe a rinunciare. Il risultato, dunque, sarebbe un’operazione negativa anche dal punto di vista dei conti pubblici».

Cosa ha pensato dell’affermazione della premier per cui le privatizzazioni non saranno gestite con “regali milionari a fortunati imprenditori ben inseriti”?

«Ma la premier i regali li sta già facendo, regalando affari d’oro ai fondi speculativi stranieri. Voglio ricordare che questo Governo sta avallando la cessione di un asset strategico per il Paese, ovvero la rete di telecomunicazioni, a favore di Kkr, un fondo infrastrutturale americano. La Giorgia Meloni di due anni fa avrebbe definito questa operazione come una follia».

A cosa è dovuto, a suo giudizio, questo cambio di giudizio da parte della premier?

«Al fatto che il Governo, per più di un anno, è rimasto con le mani in mano tanto sul fronte del recupero dell’evasione fiscale quanto su quello della revisione della spesa pubblica. Oggi, pertanto, l‘esecutivo è messo alle strette e, dopo aver finanziato in deficit la manovra di Bilancio, è costretto a programmare 20 miliardi di privatizzazioni per evitare un ulteriore aumento del debito pubblico in rapporto al Pil. Ecco perché queste scelte non sono che la conseguenza dell’inerzia del Governo nell’affrontare i nodi decisivi della finanza pubblica».

Ultimi articoli

Correlati

Interposizione illecita di manodopera, Guerra (Pd): Eliminiamo la norma che legittima il caporalato

"Per contrastare l’interposizione illecita di manodopera, come si propone, giustamente, la ministra Calderone, bisogna prima di tutto eliminare...

Pasticcio Pnrr, spesi meno della metà dei fondi. E il governo si sottrae al confronto

il governo sta danneggiando il Paese. Boccia a La Russa: "Fitto si sottrae al confronto"

Pnrr, Misiani: “Transizione 5.0 in alto mare, governo non pervenuto”

“Il programma Transizione 5.0 annunciato trionfalmente dal ministro Urso è a ‘carissimo amico’, stando a quello che riportano...

“Le morti sul lavoro non sono una fatalità ma una vera tragedia”. Parla Maria Cecilia Guerra

All’indomani dell’ennesima strage sul lavoro – i cinque morti nel cantiere di Firenze – si riaccende l’attenzione su un tema che non dovrebbe mai vederla spenta: la sicurezza sul lavoro. Qual è la situazione nel nostro Paese, e cosa serve per intervenire davvero?

La sicurezza dei lavoratori prima di tutto: basta sub appalti a cascata

L'idea della segretaria dem: "Chiediamo si estenda anche al privato l'obbligo di utilizzo del contratto edile"
spot_img