spot_img
spot_img
Home_Speciale_"Mi impegnerò per l'Europa...

“Mi impegnerò per l’Europa della salute”. Intervista a Beatrice Covassi

“Io mi impegnerò soprattutto per l’Europa della salute, perché credo che abbiamo tutti dimenticato la lezione del Covid. Io col Covid ho perso tutti e due i genitori nella primavera 2020, a cinque settimane l’uno dall’altro. E con me 200.000 famiglie italiane che sono state toccate da questa pandemia”.

Sono le parole di Beatrice Covassi, candidata nella circoscrizione Centro, in una intervista a ‘Personale è politico’, il format del Pd che presenta le candidate e i candidati alle Europee dell’8 e 9 giugno, pubblicata sul sito del Partito Democratico.

Covassi si racconta sul piano personale e su quello politico: “Una figura che di sicuro mi ha molto colpita fin da piccola e a cui tuttora mi ispiro è Giorgio La Pira, sindaco di Firenze, profondamente credente, ma anche con idee innovatrici per quanto riguarda il sociale, le relazioni internazionali, interreligiose, interculturali”. E continua con un ricordo: “E Giorgio La Pira, quando avevo quattro anni, mi prese in braccio sollevandomi e dicendo: “quando questa bambina sarà grande nel mondo ci sarà la pace.” Questo episodio è diventato un punto focale della mia vita”.

Covassi spiega cosa l’ha motivata a scendere in campo in politica: “Lo scatto e il pungolo per metterci la faccia, è stato proprio nel 2019, nell’elezione europea, perché io ero portavoce nel Paese della Commissione Europea e nel 2018 questo Paese ha avuto per la prima volta un governo antieuropeo. Ho detto: a questo punto devo andare dall’altra parte della barricata, devo potermi spendere per difendere quello che ho sempre costruito”.

Infine lancia un messaggio ai diciottenni al primo voto evocando la Brexit: “I giovani erano tutti per rimanere in Europa, però non sono andati a votare. E quindi chi ha deciso per loro? Hanno deciso per loro degli ultra cinquantenni, forse appunto un po’ frustrati, forse legati a un passato imperiale che non tornerà mai più. Però la loro partecipazione avrebbe cambiato il risultato del voto. Quindi non pensate che votare sia ininfluente. Ogni voto conta e il voto è quello che cambia tutto. Il potere più grande che abbiamo, come cittadine e cittadini. L’Europa siamo noi. Quindi l’Europa è il nostro DNA più profondo e casa e dobbiamo tutti esserne parte e costruirla”.

Ultimi articoli

Correlati

Amministrative: al centrosinistra il primo turno. Avanti per i ballottaggi

Al primo turno 10 a 6 per il centrosinistra nelle grandi città. Schlein: "Il Pd sta andando molto bene alle amministrative"

Decaro: “Il record di voti non l’ho visto arrivare. Il Sud punisce il governo perché non dice la verità”

Il sindaco di Bari a Repubblica: "L'unico modo che conosco per guadagnare consenso è studiare, mantenere più che promettere, cercando di dire sempre la verità"

L’effetto Schlein rigenera il Pd: lo avevamo detto, è successo

Articolo di Marco Nicolai, responsabile del dipartimento Aree Interne del Pd Dopo le elezioni politiche del 2022 che avevano...

Bonaccini: “Ha vinto la squadra. Mai il Pd così unito”

Il presidente dem a QN: "Mai come ora il Pd è stato presente nei luoghi dove si discute e ci si confronta guardando negli occhi le persone"

Schlein: “Il messaggio è chiaro, Giorgia Meloni stiamo arrivando”

Il giorno dopo il voto per le elezioni europee, conferenza stampa della segretaria del Pd Elly Schlein
spot_img