spot_img
spot_img
HomeEuropa e MondoMo, Provenzano a Tajani:...

Mo, Provenzano a Tajani: “Sul diritto umanitario no a doppie morali”

“Apprezziamo le parole del ministro Tajani, ma chiediamo al governo uno sforzo in più per evitare che il Medio Oriente possa diventare un drammatico detonatore di violenza e terrore, che mette a rischio la sicurezza degli ebrei, dei palestinesi e la nostra. Ieri c’è stato il Consiglio Ue dei 27. Chiediamo che l’Italia sia all’altezza della sua storia, moltiplichi gli sforzi diplomatici per fermare l’escalation e rilanci la prospettiva dei due Popoli e due Stati, unica soluzione possibile“.
 
Lo ha detto il deputato e responsabile Esteri del Partito Democratico, Giuseppe Provenzano, replicando al ministro Antonio Tajani nel corso del Question Time alla Camera.
 
Israele ha diritto a esistere e difendersi, e teniamo alta l’allerta sull’antisemitismo. Ma quel diritto si esercita nel rispetto del diritto internazionale e umanitario. Bisogna colpire i terroristi di Hamas, non punire collettivamente i palestinesi, che hanno il medesimo diritto a esistere. I crimini di guerra vanno denunciati e condannati sempre. Il rispetto del diritto internazionale deve valere sempre. Oggi condanniamo la Russia per l’attacco terroristico a Zaporizhzhia.
 
Se vogliamo preservare la credibilità dei nostri principi, non possiamo reiterare in Medio Oriente doppi standard, doppie morali. La morale dell’umanità è una sola. C’è un confine, invalicabile, tra giustizia e vendetta. Noi dobbiamo presidiare quel confine, da lì passa la nostra civiltà”.
 
Nell’illustrazione del Question time, Provenzano ha denunciato come a Gaza sia “in corso una catastrofe umanitaria. È necessaria l’apertura immediata di corridoi per la salvaguardia dei civili e la creazione di safe zones che includano scuole e ospedali. Assedio e bombardamenti hanno causato oltre 3 mila vittime e 12.500 feriti. La strage di civili all’ospedale Al Ahli – ha aggiunto – impone a questo Parlamento un messaggio, forte, unitario, di solidarietà al popolo palestinese e a chi lo rappresenta. Che non sono i terroristi di Hamas”.

Ultimi articoli

Correlati

Il Pd diventa la prima delegazione nel gruppo dei Socialisti Ue

La riunione per la costituzione del gruppo è prevista per il prossimo 25 giugno

Inaccettabile quello che è accaduto a Rafah. Bisogna fermare la follia di Netanyahu

Subito cessate il fuoco e riconoscimento dello Stato di Palestina

L’Europa che vogliamo – Manifesto elettorale 2024

Il programma elettorale del Partito democratico per le elezioni europee

La “Berlin Democracy Declaration” del Partito dei Socialisti Europei

La dichiarazione di Berlino sulla democrazia adottata dal Pes: Non coopereremo mai, né formeremo mai una coalizione con l’estrema destra!

Schlein: Il 25 aprile a Milano, migliore risposta a ogni revisionismo

La sgretaria dem in due lunghe interviste su Corriere della Sera e Manifesto sull'Europa che vogliamo e sull'Italia repubblicana che difendiamo
spot_img