spot_img
spot_img
HomeEconomia e lavoroMisiani: "La Nadef va...

Misiani: “La Nadef va nella giusta direzione? No è rinunciataria, minimalista e inadeguata”
M

No, è rinunciataria e minimalista oltre che inadeguata a rilanciare l’Italia.
 
I numeri sono quelli che sono. Li puoi stiracchiare, interpretare, sminuire. Ma fino ad un certo punto. E i numeri della Nota di aggiornamento del DEF presentata dal governo confermano, purtroppo, un fatto che Giorgia Meloni e i suoi ministri per molti mesi hanno negato: l’economia italiana si è fermata e le prospettive per il 2024 si sono molto deteriorate.
 
La coperta è corta, ha gridato a Cernobbio íl ministro Giorgetti. Ma la coperta si è accorciata anche a causa di una serie di scelte fallimentari di questo primo anno di governo. Ricordiamole: il cambio di governante e la generale lentezza nell’attuazione del PNRR, quattordici condoni fiscali in meno di dodici mesi, la rinuncia a qualunque iniziativa seria di revisione della spesa, l’assenza di una vera strategia per contrastare il carovita.
 
Servirebbe una manovra di bilancio coraggiosa, per fare ripartire l’Italia. La risposta del governo è invece una NADEF rinunciataria, minimalista, finanziata in gran parte a deficit e con un debito previsto solo in lievissima riduzione nei prossimi tre anni: non un bel segnale, per i mercati finanziari.
 
Nell’insieme, una politica economica del tutto inadeguata a rilanciare il Paese. Circa metà delle risorse saranno destinate alla proroga del taglio del cuneo fiscale. È una scelta condivisibile, ma non basterà a recuperare quello che è accaduto al potere d’acquisto dei redditi.
 
Sanità, scuola e trasporto pubblico hanno urgente necessità di risorse aggiuntive. Il solo ministro della salute ha chiesto quattro miliardi in più. È il minimo sindacale: in realtà ne servirebbero quattro all’anno per i prossimi cinque anni, per recuperare il divario che ci separa dagli altri Paesi avanzati. La richiesta di Schillaci è però destinata a cadere nel vuoto, così come gran parte delle sollecitazioni dei suoi colleghi.

Ultimi articoli

Correlati

Interposizione illecita di manodopera, Guerra (Pd): Eliminiamo la norma che legittima il caporalato

"Per contrastare l’interposizione illecita di manodopera, come si propone, giustamente, la ministra Calderone, bisogna prima di tutto eliminare...

Pasticcio Pnrr, spesi meno della metà dei fondi. E il governo si sottrae al confronto

il governo sta danneggiando il Paese. Boccia a La Russa: "Fitto si sottrae al confronto"

Pnrr, Misiani: “Transizione 5.0 in alto mare, governo non pervenuto”

“Il programma Transizione 5.0 annunciato trionfalmente dal ministro Urso è a ‘carissimo amico’, stando a quello che riportano...

“Le morti sul lavoro non sono una fatalità ma una vera tragedia”. Parla Maria Cecilia Guerra

All’indomani dell’ennesima strage sul lavoro – i cinque morti nel cantiere di Firenze – si riaccende l’attenzione su un tema che non dovrebbe mai vederla spenta: la sicurezza sul lavoro. Qual è la situazione nel nostro Paese, e cosa serve per intervenire davvero?

Ex Ilva, Misiani: “Speriamo il commissariamento non sia fatto sulla pelle lavoratori”

“Dopo mesi e mesi di incertezze e di divisioni all’interno del governo Meloni, il commissariamento della ex Ilva...
spot_img