spot_img
spot_img
HomeDirittiManovra, D'Elia: "Non ha...

Manovra, D’Elia: “Non ha respiro e penalizza le donne”

“Il Governo che chiede uno sforzo corale sulla maternità e propone un codice alle aziende è lo stesso che nella manovra taglia servizi, aumenta Iva e si occupa del lavoro delle donne solo se madri con più di due figli.
 
Ancora una volta invece di attivare una politica sull’equilibrio dei tempi di vita per tutte e tutti, responsabilizzando i padri e lavorando a una condivisione della cura, affida tutto alle donne. Senza neanche metterle davvero al centro della propria strategia, perché vorremmo ricordare alla ministra che il concepimento non è già una maternità, di mezzo c’è la scelta della donna di portare avanti quella gravidanza, di volerlo e poterlo fare.
 
Bene che si punti a cambiare l’organizzazione del lavoro, ma per farlo servono politiche pubbliche che non vediamo, solo spot e una limitata decontribuzione, per chi ha due figli addirittura solo per un anno, con buona pace di chi cerca lavoro, di chi è precaria, di chi figli li desidera ma non può permetterseli. Per non parlare di come si interviene sulle pensioni, aumentando ancora l’età per accedere a opzione donna.
 
Questa manovra non ha respiro e penalizza le donne e i loro desideri e bisogni, questa è la verità“.
 
Lo afferma Cecilia D’Elia senatrice PD e portavoce nazionale della Conferenza delle donne democratiche.

Ultimi articoli

Correlati

La proposta di legge Schlein è un’opportunità: la destra la voti per avere più risorse per la sanità

L'esame della proposta di legge a prima firma Elly Schlein sulla Sanità alla Camera "è una bella opportunità. Questa è la prima e più forte preoccupazione degli italiani"

Zan: “L’Italia è l’ultimo Paese fondatore Ue senza una legge, la destra vigliacca tenta di nascondere la sua omotransfobia”

Difendere i diritti, la dignità e le vite delle persone lgbtqia+ significa anche difendere la nostra Costituzione. Noi ci siamo.

Giù le mani dalla 194: sul corpo delle donne decidono le donne

Difendiamo i nostri diritti contro una destra che tenta di smontare pezzo per pezzo la legge 194

L’aborto nella Carta dei diritti Ue, la destra vota contro e si schiera contro i diritti delle donne

Il diritto all'aborto sia aggiunto alla Carta dei diritti fondamentali dell'Ue: è quanto chiede l'Eurocamera. La destra vota contro

La destra sta restringendo la democrazia italiana: ormai è deriva orbaniana

La fotografia è quella di un Parlamento assoggettato al governo. Ciò che sta succedendo in queste ore è solo l'ennesima, drammatica conferma
spot_img