spot_img
spot_img
HomeGiustiziaI Tg informino sull'arresto...

I Tg informino sull’arresto dell’esponente di FdI a Palermo

“Noi siamo garantisti sempre e siamo certi che i componenti di Fdi della commissione di vigilanza Rai, così come i capigruppo Foti e Malan, interverranno oggi per chiedere con forza ai telegiornali del servizio pubblico di non nascondere le notizie e fare informazione sul caso dell’esponente del loro partito arrestato per mafia e voto di scambio”. Lo affermano i componenti del Pd in commissione di Vigilanza Rai. “La coerenza prima di tutto – aggiungono – visto che sono stati proprio loro nei giorni scorsi ad annunciare una fantomatica ‘nuova governance della Rai e dei tg dove le notizie non si silenziano e si danno nel rispetto del pluralismo e del diritto di cronaca’. Siamo certi che questo avverrà oggi”.

La vicenda è tutta qua, intreccia l’utilizzo politico dell’informazione pubblica, l’ambizione di controllo del governo, l’applicazione di differenti standard a seconda dei protagonisti di ugualmente inaccettabili vicende giudiziarie. E accade quando arriva in Commissione vigilanza Rai il progetto di modifica della par condicio elettorale proposta da FdI. Qurello che Francesco Filini, il deputato di maggior fiducia del plenipotenziario della comunicazione di Palazzo Chigi e di Fratelli d’Italia Fazzolari, chiede è essenzialmente una zona franca per ministri e sottosgretari, e chiaramente Meloni, in merito alle attività di governo. Tradotto, uno spazio di propaganda illimitato e non soggetto a regole. E dopo che lo scorso sabato, il Tg1 delle 20, seguito dal Tg2, con due guerre in corso, decide di dedicare l’apertura a delegittimare e attaccare il Parito democratico.

“Sono prive di ogni fondamento le notizie apparse su alcuni organi di stampa secondo le quali il Pd avrebbe deciso o minacciato un “Aventino” nei confronti dei Tg Rai. Al netto del riferimento storico irrispettoso, nessuno ha mai detto o pensato una cosa del genere. Prova ne sia che nella giornata di ieri, lunedì, i telegiornali della Rai hanno visto la presenza del Presidente del partito”, fa sapere l’Ufficio stampa del Partito democratico. “Altra cosa – continua la nota -, e questa sì è reale, è invece il giudizio sul modo inaccettabile e palesemente di parte col quale l’informazione Rai, quantomeno una parte significativa di essa, tratta il Pd nei propri servizi. Dopo il quadro inquietante che emerge dall’operazione della DDA a Palermo, che ha portato all’arresto di un esponente di FDI, i Tg della Rai hanno l’occasione per ritornare a dimostrare imparzialità dando la giusta e analoga rilevanza ai fatti. Ci si aspetta che lo facciano”.

Ultimi articoli

Correlati

No al premierato, autocrazia che minaccia la tenuta democratica

Contro "la madre di tutte le riforme" in salsa Meloni il Pd è impegnato nello scontro parlamentare, emendamento su emendamento, e sarà in piazza il 2 giugno

La proposta di legge Schlein è un’opportunità: la destra la voti per avere più risorse per la sanità

L'esame della proposta di legge a prima firma Elly Schlein sulla Sanità alla Camera "è una bella opportunità. Questa è la prima e più forte preoccupazione degli italiani"

Congedo paritario pagato al 100% per entrambi i genitori

Schlein: "La destra al Governo parla tanto di famiglie tradizionali, ma non fa nulla per tradurre la sua retorica in realtà"

Zan: “L’Italia è l’ultimo Paese fondatore Ue senza una legge, la destra vigliacca tenta di nascondere la sua omotransfobia”

Difendere i diritti, la dignità e le vite delle persone lgbtqia+ significa anche difendere la nostra Costituzione. Noi ci siamo.

Contro povertà e crollo dei salari, salario minimo subito

I dati Istat di oggi denunciano il crollo verticale dei salari a fronte di crescita dei prezzi e aumento della povertà assoluta. Il governo non può continuare a voltare la faccia
spot_img