spot_img
spot_img
HomeDirittiD'Elia: "Bambino, lei non...

D’Elia: “Bambino, lei non è più tua madre”

“Sono figlia di due genitori che si separarono prima che in Italia ci fosse la legge sul divorzio. Questo dice qualcosa sulla mia età, ma anche sul mio sussultare alla notizia della decisione della procura di Padova di impugnare 33 atti di registrazione emessi a partire dal 2017 per i figli nati da due donne con procreazione assistita. Perché io ricordo lo stigma, il giudizio sociale sul mio essere figlia di una famiglia diversa. Ma bambina adorante di mamma e papà pensavo che la ragione e il vento della storia fossero dalla loro parte, è così fu con la legge sul divorzio del 1970, il referendum che la confermò nel 1974 e i loro nuovi matrimoni. Non so quale vento sentano oggi quelle bambine e quei bambini che dall`oggi al domani si sono visti cancellare una delle madri. Cosa hanno compreso del possibile venir meno di uno dei loro cognomi, della responsabilità genitoriale della seconda madre. Che, si badi, potrebbe anche lei essere biologica, se non per gestazione, per donazione d`ovulo. Ma in ogni caso reale e concreta nella vita di quei bimbi. Anzi, prima ancora nel desiderio che ha reso possibile quella vita. La vicenda di Padova, nella sua ferocia, perché diversamente non saprei definirla, rende evidente la posta in gioco della discussione che in questo Paese si è aperta sulla possibilità di trascrivere gli atti di figli nati all`estero di coppie omogenitoriali.
 
Qui madri ci sono. Quello che fa problema, con ogni evidenza, è la genitorialità non conforme alla regola eterosessuale. Una famiglia diversa, non s`ha da fare. Un passo indietro in tanti Comuni, un muro alzato nei confronti di famiglie che tali sono all`estero e che qui non verranno riconosciute, con grave lesione dei diritti dei minori, a cui viene negato il diritto alla vita familiare. Si ritorna alla discriminazione sulla base del modo di venire al mondo, come succedeva con i figli illegittimi.
 
Ci sono bambine e bambini, famiglie discriminate, persone in carne ed ossa, a cui non viene riconosciuta la vita familiare che conducono, le relazioni parentali che hanno. In atto è un chiaro indirizzo restaurativo della famiglia cosiddetta naturale, unico modello contemplato. Una restaurazione che riguarda tutte e tutti, non solo le famiglie arcobaleno, perché tocca le forme di convivenza, i legami tra generi e generazioni, i rapporti d`affetto e d`amore che rendono tali le famiglie. Per questo è così importante il riconoscimento delle famiglie omogenitoriali, del matrimonio egualitario, della trascrizione delle figlie e dei figli. Si tratta anche di noi, di tutte e tutti, dell`idea di famiglia che abbiamo, della scelta di investire sulla libertà e responsabilità delle persone e dei loro affetti”.
 
Cecilia D’Elia, Portavoce della Conferenza delle Democratiche

Ultimi articoli

Correlati

La proposta di legge Schlein è un’opportunità: la destra la voti per avere più risorse per la sanità

L'esame della proposta di legge a prima firma Elly Schlein sulla Sanità alla Camera "è una bella opportunità. Questa è la prima e più forte preoccupazione degli italiani"

Zan: “L’Italia è l’ultimo Paese fondatore Ue senza una legge, la destra vigliacca tenta di nascondere la sua omotransfobia”

Difendere i diritti, la dignità e le vite delle persone lgbtqia+ significa anche difendere la nostra Costituzione. Noi ci siamo.

Giù le mani dalla 194: sul corpo delle donne decidono le donne

Difendiamo i nostri diritti contro una destra che tenta di smontare pezzo per pezzo la legge 194

L’aborto nella Carta dei diritti Ue, la destra vota contro e si schiera contro i diritti delle donne

Il diritto all'aborto sia aggiunto alla Carta dei diritti fondamentali dell'Ue: è quanto chiede l'Eurocamera. La destra vota contro

La destra sta restringendo la democrazia italiana: ormai è deriva orbaniana

La fotografia è quella di un Parlamento assoggettato al governo. Ciò che sta succedendo in queste ore è solo l'ennesima, drammatica conferma
spot_img