spot_img
spot_img
HomeRiformeAlfieri: «Pronti a discutere...

Alfieri: «Pronti a discutere sul premierato, ma la legge sui sindaci non va toccata»

La maggioranza deve togliere dimezzo la norma inserita nel Ddl Province che mira a cambiare la legge elettorale per i grandi comuni, abbassando dal 50% al 40% la soglia al di sotto della quale scatta il ballottaggio. Andare a toccare una delle leggi elettorali che ha meglio funzionato negli ultimi 30 anni solo per calcoli di parte non è il miglior modo per creare un clima di dialogo bipartisan sulla revisione della seconda parte della Costituzione». Così Alessandro Alfieri,da poco nominato da Elly Schlein come responsabile Riforme e Pnrr del PD.
 
Qual è la posizione del PD sulla reintroduzione dell’elezione di primo grado?
Noi non siamo pregiudizialmente contrari, ma per noi il punto fondamentale non è la modalità di elezione bensì quali funzioni e quali risorse correlate si prevedono. C’è assoluto bisogno di rafforzare il livello intermedio tra regioni e comuni per supportare i tanti comuni italiani sui progetti legati al Pnrr, sul dissesto idrogeologico, sulle politiche del lavoro e dell’ambiente. Nel tempo, poi, alcune professionalità si sono allontanate dal livello provinciale per spostarsi nelle regioni o in altri settori della PA: vanno recuperate. Mentre la questione delle città metropolitane, vero motore di sviluppo del Paese, per noi va affrontata a parte e non nel Ddl Province.
 
Veniamo al presidenzialismo caro alla premier: elezione del Capo dello Stato o del presidente del Consiglio?
Siamo contrari all’elezione diretta in entrambi i casi. La figura del presidente della Repubblica, arbitro e garante della Costituzione e della coesione nazionale, non va toccata. Quanto al capo del governo, una sua elezione diretta svuoterebbe la funzione del presidente della Repubblica. Diverso, all’interno della nostra forma di Repubblica parlamentare, è il rafforzamento dei poteri del premier per garantire la governabilità: la nostra proposta è l’introduzione della sfiducia costruttiva e del potere di nomina e revoca dei ministri sul modello tedesco. In tema di governabilità ed efficienza del sistema sarebbe poi opportuno inserire il voto a data certa per i provvedimenti del governo, che metterebbe anche fine all’ormai annoso eccesso di decretazione d’urgenza. Così come si può introdurre l’esame in seduta congiunta per i provvedimenti più importanti o in occasione delle linee di indirizzo in vista dei consigli europei.
 
Non crede che in ogni caso gli elettori debbano sapere chi farà il premier se votano un dato partito o una data coalizione?
Come avviene con modelli elettorali diversi nei principali Paesi europei, è il leader del primo partito o il leader del partito più grande della coalizione vincente il candidato alla guida del governo.

Ultimi articoli

Correlati

No al premierato, autocrazia che minaccia la tenuta democratica

Contro "la madre di tutte le riforme" in salsa Meloni il Pd è impegnato nello scontro parlamentare, emendamento su emendamento, e sarà in piazza il 2 giugno

Il 2 giugno in piazza a Roma per la Costituzione e l’Europa federale

Schlein: Usiamo i nostri corpi e le nostre voci per fare muro contro premierato e autonomia differenziata

La destra sta restringendo la democrazia italiana: ormai è deriva orbaniana

La fotografia è quella di un Parlamento assoggettato al governo. Ciò che sta succedendo in queste ore è solo l'ennesima, drammatica conferma

Sul premierato totale confusione sotto il cielo della maggioranza

Cronache surreali dalla commissione Affari Costituzionali del Senato. Una riforma che stravolge la Costituzione, si fermino

Come fermare la riforma Calderoli, il tradimento di ciò che siamo

Cuperlo su Domani: Questo modello di autonomia non fa bene all’Italia: quattro telegrammi e due idee per opporsi a un progetto che rischia di sfasciare il paese
spot_img