spot_img
spot_img
HomeNotizieVoto in condotta e...

Voto in condotta e giudizi sintetici: no alla scuola repressiva e autoritaria

Con 74 sì, 56 no e nessun astenuto, è stato approvato al Senato il disegno di legge messo a punto dal Ministro della Scuola, Giuseppe Valditara, sulla valutazione della condotta. Con un emendamento inserito successivamente, viene inoltre introdotto il giudizio sintetico nella scuola primaria, in luogo di quello descrittivo.

Un ennesimo passo avanti nel cammino verso una scuola autoritaria e repressiva,  che ha nelle priorità non certo l’inclusione e la valorizzazione delle competenze a tutti i livelli, non l’ascolto, non la promozione delle politiche educative democratiche, ma la restaurazione di modelli rigidi che pensavamo superati da decenni. Fra questi, il voto di condotta centrale per la promozione in tutti i cicli, e il ritorno del giudizio sintetico (insufficiente, sufficiente, buono ecc.) al posto di quello descrittivo. Che argomentare è una perdita di tempo. Il ddl introdurrebbe una casistica dettagliata riguardo al voto in condotta: senza il sette non si viene ammessi all’anno successivo, o all’esame. Con il sei si dovrà svolgere un elaborato di educazione civica, se il voto è un cinque, c’è la bocciatura. Per quanto riguarda i crediti per l’esame di Stato, occorre almeno il nove per poterli conteggiare.

Avete scelto una idea di scuola sanzionatrice, selettiva e di controllo, in cui l’insegnante è chiamato a punire, in un’ottica che confonde autorità con autorevolezza”, ha dichiarato la capogruppo del Pd nella Commissione Scuola, Cecilia D’Elia intervenendo in Aula. “Con i nostri emendamenti abbiamo provato a invertire questa china per ricondurre la scuola ad un luogo di promozione della persona con funzione educativa e di rinforzo positivo, cioè la scuola che rimuove ostacoli. Ma questa maggioranza ha ritenuto di proseguire senza ascolto e senza confronto, non solo con le opposizioni, ma anche con il mondo della scuola, le famiglie, le studentesse e gli studenti.” Fra gli emendamenti respinti, quello che prevedeva l’introduzione nelle scuole delle figure di sociologo e psicologo.

“Nelle vostre intenzioni – ha continuato D’Elia – non c’è nessuna volontà di recuperare i comportamenti, c’è solo rigidità e di fatto una messa in discussione della valutazione collegiale e dell’autonomia dell’insegnamento. Il ddl modifica anche lo statuto degli studenti e delle studentesse senza averli coinvolti.
Un impianto sbagliato, perché non si educa alla democrazia sviluppando sudditanza ma promuovendo partecipazione attiva e facendosi carico delle responsabilità che tale partecipazione comporta, a cominciare dal lavoro sugli errori commessi. Per tutte queste ragioni il nostro voto al provvedimento è contrario”, ha concluso.

 

Ieri al Senato Cecilia D’Elia, capogruppo del Pd nella Commissione Scuola, il senatore Peppe De Cristofaro, presidente del gruppo di Avs e il senatore Luca Pirondini, capogruppo M5s nella stessa commissione, avevano tenuto una conferenza stampa per esprimere contrarietà al ddl. “Il ddl Valditara, avevano denunciato,  con cui la destra intende sostituire il giudizio descrittivo con un giudizio sintetico nella scuola primaria e stabilire che il voto di condotta sia dirimente, in tutti i cicli, per il passaggio all’anno successivo rimette indietro le lancette dell’orologio e disvela la visione della destra sulla scuola, tutta ordine e disciplina“.

“Dannoso e regressivo” per il vicepresidente della commissione Cultura in Senato, Francesco Verducci, “l’inasprimento del voto in condotta”, perché rivela “un’idea repressiva e punitiva della scuola e, quindi, della società. È il contrario della scuola dell’inclusione e dell’emancipazione che è scritta nella nostra Costituzione”. Per Verducci, quello perseguito dalla destra è “un modello autoritario dove ogni contestazione è potenzialmente un reato”. “A questo governo non interessa che la scuola funzioni, mentre le nuove generazioni hanno bisogno di fondi per diritto allo studio e di risorse per battere la dispersione scolastica, non certo di una politica classista e di discriminazione sociale. Servono più risorse per una scuola pubblica, aperta, inclusiva”.

Ultimi articoli

Correlati

No al premierato, autocrazia che minaccia la tenuta democratica

Contro "la madre di tutte le riforme" in salsa Meloni il Pd è impegnato nello scontro parlamentare, emendamento su emendamento, e sarà in piazza il 2 giugno

La proposta di legge Schlein è un’opportunità: la destra la voti per avere più risorse per la sanità

L'esame della proposta di legge a prima firma Elly Schlein sulla Sanità alla Camera "è una bella opportunità. Questa è la prima e più forte preoccupazione degli italiani"

Congedo paritario pagato al 100% per entrambi i genitori

Schlein: "La destra al Governo parla tanto di famiglie tradizionali, ma non fa nulla per tradurre la sua retorica in realtà"

Zan: “L’Italia è l’ultimo Paese fondatore Ue senza una legge, la destra vigliacca tenta di nascondere la sua omotransfobia”

Difendere i diritti, la dignità e le vite delle persone lgbtqia+ significa anche difendere la nostra Costituzione. Noi ci siamo.

Contro povertà e crollo dei salari, salario minimo subito

I dati Istat di oggi denunciano il crollo verticale dei salari a fronte di crescita dei prezzi e aumento della povertà assoluta. Il governo non può continuare a voltare la faccia
spot_img