spot_img
spot_img
HomeNotizie"Su Ius soli d'accordo...

“Su Ius soli d’accordo con Elly, serve una legge sul fine vita”

“Negare la cittadinanza italiana a ragazze e ragazzi nati in Italia che crescono, studiano, fanno sport con i nostri figli e nipoti è un’assurdità. E io sono a favore di una legge sul fine vita e che ogni persona abbia il diritto di decidere per sé, dentro una procedura rigorosa”.

Così in una intervista a La Stampa il governatore e Presidente dell’Assemblea nazionale PD, Stefano Bonaccini, che si dice d’accordo con il segretario Elly Schlein sullo Ius soli.

Bonaccini ribadisce la sua posizione contraria a una candidatura alle Europee di Schlein: “Una candidatura della segretaria in tutte le circoscrizioni può servire tatticamente a Meloni per trasformare le Europee in un referendum domestico sul capo e mascherare il fatto che ha poche proposte e poca classe dirigente da portare in Europa. Non inseguirei su questo terreno. Inoltre con Schlein capolista temo sarebbero penalizzate le donne. In ogni caso, come sempre discuteremo e decideremo insieme”.

Quanto al terzo mandato per sindaci e governatori “nel momento in cui si sta portando a tre il numero di mandati per i sindaci dei Comuni al di sotto dei 15mila abitanti, cioè la stragrande maggioranza, non si capisce perchè ciò non debba accadere anche per i sindaci delle città e i presidenti di Regione. In un Paese dove il limite dei mandati non esiste per altri, a cominciare dai parlamentari”.

Sui fondi per la ricostruzione e i ristori post alluvione in Emilia-Romagna “ogni nuovo euro in arrivo è benvenuto e ho quindi ringraziato von der Leyen e Meloni, ma va chiarito che il miliardo e 200 milioni di fondi Pnrr annunciato va alla ricostruzione pubblica, non ai rimborsi a famiglie e imprese, ai quali continua ad arrivare poco o nulla, dopo 8 mesi“.

“Ed è incredibile che il governo continui a negare il rimborso dei beni mobili: arredi, cucine, elettrodomestici, auto – prosegue -. Sarebbe come se, dopo il sisma del 2012, avessimo detto non rimborsiamo i danni alle case. Il governo aveva promesso il 100% dei rimborsi e noi non arretreremo di un centimetro finché non accadrà”.

Quanto al suo futuro, “non ho mai chiesto nulla per me e non cambio certo adesso. Faro’ cio’ che si riterra’ utile”

Sul fine vita, in Veneto “la proposta è stata bocciata perché la maggioranza di destra si è spaccata in due come una mela. Trovo un un po’ surreale che anziché denunciare questo si eccepisce sul singolo voto di una consigliera del PD. Ciò detto, io sono a favore di una legge sul fine di vita e che ogni persona abbia il diritto di decidere per sé, dentro una procedura rigorosa. In Emilia-Romagna renderemo esigibile il diritto sancito dalla Consulta, ma serve una legge nazionale e la maggioranza non mi pare intenzionata ad approvare niente di simile. Dovremmo incalzare noi cercando il massimo di condivisione e rispettando la libertà di coscienza di ciascuno”.

Ultimi articoli

Correlati

Congedo paritario pagato al 100% per entrambi i genitori

Schlein: "La destra al Governo parla tanto di famiglie tradizionali, ma non fa nulla per tradurre la sua retorica in realtà"

Zan: “L’Italia è l’ultimo Paese fondatore Ue senza una legge, la destra vigliacca tenta di nascondere la sua omotransfobia”

Difendere i diritti, la dignità e le vite delle persone lgbtqia+ significa anche difendere la nostra Costituzione. Noi ci siamo.

Contro povertà e crollo dei salari, salario minimo subito

I dati Istat di oggi denunciano il crollo verticale dei salari a fronte di crescita dei prezzi e aumento della povertà assoluta. Il governo non può continuare a voltare la faccia

Schlein: “Toti non può rimanere un minuto di più”

La segretaria dem a Repubblica: "Tutta la politica alzi la guardia. E la destra voti la nostra proposta sulla sanità pubblica"

Sulla pericolosità del Ponte sullo Stretto si susseguono le evidenze: per Salvini è tutto normale

Corrado: "Il progetto del ponte di Salvini è fallimentare e pericoloso: lo abbiamo detto fin da subito. È ora di metterci la parola fine"
spot_img