spot_img
spot_img
HomeElezioniSchlein: Meloni? Sotto il...

Schlein: Meloni? Sotto il nome niente, chiusa nel palazzo descrive il Paese delle meraviglie

“Non c’è un programma politico né una visione di Europa nel discorso di Giorgia Meloni. Sotto l’annuncio del nome nasconde i tagli alla sanità e l’ostilità verso un salario minimo che non vuole convincersi a garantire ai 4 milioni di lavoratori poveri di questo Paese. È al governo ma fuori dalla realtà, ha completamente dimenticato l’urgenza di occuparsi delle condizioni materiali delle persone”. La segretaria del Pd, Elly Schlein, commenta il discorso che la presidente del Consiglio ha pronunciato ieri a Pescara alla convention di Fratelli d’Italia.

“Ieri ho ascoltato Giorgia Meloni: non ha parlato di sanità pubblica, di salari bassi e di precarietà. Non ha parlato di 5 milioni di lavoratori in attesa del rinnovo del contratto. Ha parlato del Paese delle meraviglie, la gente fa fatica a far la spesa. Questa è la realtà, forse Giorgia Meloni fa fatica a vederla, chiusa nel suo palazzo”. Lo ha detto la segretaria dem, nel corso di un’intervista  a Sky Tg24. Annunciando la sua candidatura come capolista in tutte le circoscrizioni, la presidente del Consiglio ha indossato di nuovo i panni della leader di partito, descrivendo un paese che non esiste, e chiedendo un referendum sulla sua azione di governo. Ma a Bruxelles è da pochissimo andata in scena la sconcertante vicenda della votazione sul nuovo patto di stabilità, che ha visto, ricorda Schlein, l’Italia “completamente assente dal negoziato, non ha toccato palla, ha accettato il compromesso di Francia e Germania che è un ritorno indietro. Manca spazio per gli investimenti comuni. Sono stati decisi dei parametri uguali per tutti i Paesi su deficit e debito, la proposta di Gentiloni dava dei meccanismi di flessibilità che tenessero conto delle differenze. Ma l’incapacità di Giorgetti e Meloni di stare nel negoziato ha portato a un compromesso al ribasso che ha il sapore dell’austerity pre-Covid. Noi avevamo detto che ci saremmo astenuti dal voto, ma è clamoroso che si siano astenute le forze di governo sfiduciando Meloni e Giorgetti”.

Il salario minimo si potrebbe approvare domattina senza costi per lo Stato

Nel paese reale, quello che Meloni scorda, c’è chi guadagna troppo poco, c’è il lavoro povero, quello sommerso, precario, intermittente. “Il salario minimo non ha un costo per le casse dello Stato, lo potremmo approvare domani mattina se Meloni volesse”, ha ricordato Schlein.

Il negazionismo sul clima non aiuta il Paese

Ed è reale anche il paese che si trova a fronteggiare l’emergenza climatica, un tema dirimente in ambito comunitario, e sul quale le destre di casa nostra hanno sempre mantenuto un atteggiamento di miope conservazione dello status quo, che ci condanna a restare al palo, anche sotto il profilo economico. “Noi abbiamo una destra che nega l’emergenza climatica”, ha detto la segretaria dem, e questo “negazionismo non aiuta il Paese e le imprese”. Per Schlein, la strda non è il nucleare, “è puntare sulle tecnologie rinnovabili. Bisogna investire su sole, vento e acqua, risorse di cui l’Italia è ricca”.

Sull’Ucraina la linea Pd non cambia, ma serve diplomazia Ue

“Il dibattito sulla pace è presente, ma non cambia la linea del Pd, sostenere il popolo invaso in ogni forma, ma essere consapevoli che non bastano quelle armi per far cessare il conflitto. Chiamo l’Europa un ruolo diplomatico più forte. Questa è sempre stata la linea”.

Medio Oriente, il governo deve fare molto di più per il cessate il fuoco

Il Pd “non condivide e non condividerà mai alcuna forma di violenza, che va sempre condannata”. Quelli nei cortei e negli atenei “fortunamtemente sono stempre stati episodi isolati”. Per il conflitto in Medio Oriente, sottolinea Schlein, “chiediamo però da tempo che ci sia uno sforze maggiore del governo italiano per un cessate il fuoco. Bisogna fare molto di più, perché è un passo indispensabile sia per liberare ostaggi sia per portare aiuti a una popolazione che con Hamas non c’entra nulla. E serve un ruolo dell’Europa più per portate pace”. “Noi continuiamo a pensare che la strada sia due popoli e due stati. Israele ha diritto a non essere attaccato ma se siamo qui è perche a livello internazionale non è mai stato riconosiuto lo Stato palestinese”, spiega, chiedendo di non chiudere gli occhi sugli errori di Israele.

Liste per le europee: mai così plurali

“Chiederò il voto non per me, ma per il Pd”, ha detto Schlein, sottolineando come il non schiacciare il partito sul nome di una persona, come ha scelto di fare la presidente del Consiglio chiedendo il voto per Giorgia, sia un valore. “È la prima volta che nel Pd si arriva in modo così pacifico alla formazione delle liste, votate all’unanimità, fatte mano nella mano con la minoranza uscita dal congresso, puntando sulle migliori energie nel Pd e fuori dal Pd. Questa pluralità è un valore”, ha detto la sgretaria del Pd, che ha ricordato anche, che sulle alleanze,  “continuiamo a essere testardamente unitari ma pretendiamo rispetto”.

 

 

 

 

 

Ultimi articoli

Correlati

00:10:27

“Mi impegnerò per l’Europa della salute”. Intervista a Beatrice Covassi

"Personale è politico" è il format del Partito democratico, ideato per presentare candidati e candidate alle elezione europee: parla Beatrice Covassi, in lista nella circoscrizione Centro
00:07:14

“Il mio impegno per un’Unione Europea vicina alle persone”. Intervista a Stefano Bonaccini

"Personale è politico" è il format del Partito democratico, ideato per presentare candidati e candidate alle elezione europee: parla Stefano Bonaccini, in capolista nella circoscrizione Nord-Est
00:36:40

“L’unico modo per ribaltare la legge del più forte è la partecipazione democratica”. Elly Schlein a Skuola.net

Guarda l'intervista della segretaria del Pd Elly Schlein a PolitiGame, il nuovo format di Skuola.net

“Governo mani di forbice. Così si tagliano le risorse ai Comuni”

La segretaria dem al Corriere della Sera: "Meloni bugiarda, è la regina dei tagli. Amica dei neo-franchisti, in Ue va contro interesse nazionale"
00:07:42

“Il mio impegno per un’Europa vissuta come qualcosa di bello e familiare”. Intervista a Dario Nardella

"Personale è politico" è il format del Partito democratico, ideato per presentare candidati e candidate alle elezione europee: parla Dario Nrdella, in lista nella circoscrizione Centro
spot_img