spot_img
spot_img
HomeGiustiziaSchlein: con la famiglia...

Schlein: con la famiglia Regeni per un processo che riguarda l’intera Repubblica

“Ancora una volta siamo qui al fianco della famiglia Regeni per continuare a batterci per chiedere verità e giustizia per quanto accaduto. Questa non è una questione che riguarda solo la famiglia Regeni ma riguarda la Repubblica e noi continueremo ad essere qui fino alla fine, senza dimenticare che se sono passati tanti anni è perché ci sono stati enormi ostacoli e continuano ad esserci anche con il governo egiziano. Richiamiamo tutti ad una massima attenzione e a seguire e stare accanto alla famiglia Regeni”. La segretaria del Pd, Elly Schlein anche oggi è al presidio fuori dal tribunale di Piazzale Clodio, dove si svolge la terza udienza del processo a carico dei quattro 007 egiziani accusati del sequestro, delle torture e dell’omicidio di Giulio Regeni.

Nell’udienza odierna è previsto l’ascolto di diverse testimonianze, fra cui quella del padre del ricercatore ucciso, Claudio, e alcuni suoi amici. I quattro agenti della National Security imputati sono il generale Sabir Tariq, i colonnelli Usham Helmi, Athar Kamel Mohamed Ibrahim, e Magdi Ibrahim Abdelal Sharif per il reato di sequestro di persona pluriaggravato, e nei confronti di quest’ultimo i pm contestano anche il concorso in lesioni personali aggravate e il concorso in omicidio aggravato.

 

 

Ultimi articoli

Correlati

Piazza della Loggia: 50 anni di depistaggi e verità nascoste

Sempre, con fierezza, in nome dell’antifascismo e dei valori della nostra Repubblica, contro ogni forma di violenza politica, continuiamo a chiedere giustizia e verità

Inaccettabile quello che è accaduto a Rafah. Bisogna fermare la follia di Netanyahu

Subito cessate il fuoco e riconoscimento dello Stato di Palestina

Perché Toti si deve dimettere subito

La Liguria non merita di rimanere immobilizzata dalla mancanza di responsabilità del governo Meloni

Schlein: “Con Meloni e Le Pen i popolari tradiscono la Ue”

La segretaria dem a La Stampa: Non vedo la differenza tra l'Afd e Zemmour. Meloni dopo di lui è pronta ad accogliere Orban e Le Pen?

No al premierato, autocrazia che minaccia la tenuta democratica

Contro "la madre di tutte le riforme" in salsa Meloni il Pd è impegnato nello scontro parlamentare, emendamento su emendamento, e sarà in piazza il 2 giugno
spot_img