spot_img
spot_img
HomeNotizieSantanché, Serracchiani: «In un...

Santanché, Serracchiani: «In un Paese normale si sarebbe dimessa»

Premesso che “abbiamo dovuto faticare non poco per costringere la ministra a venire in Parlamento, non siamo contenti anche perché l’informativa in Senato prevede il suo intervento, un intervento per gruppo, nessun contraddittorio e nessun voto. Peraltro la maggioranza ha negato la possibilità di discuterne anche alla Camera”.
 
Lo dice, in un’intervista al Corriere della Sera, Debora Serracchiani, deputata del PD.
 
“Da quanto ci consta saremmo di fronte a un certo modo, si direbbe disinvolto, di gestire delle imprese – aggiunge – ad ambigui rapporti con fondi stranieri, a testimonianze di dipendenti lasciati senza stipendio e Tfr, a fornitori non saldati, a un debito verso lo Stato e a chiarimenti necessari sull’uso dei fondi Covid destinati agli ammortizzatori sociali. Inchieste della Procura in corso”.
 
Difficile “che di fronte a tutto questo, basti un compitino ed incredibile che ancora nulla sia stato chiarito – spiega -. Noi le abbiamo chiesto di venire in Parlamento, di fare chiarezza e fornire tutte le necessarie informazioni. È suo dovere e anche suo diritto. È ministra della Repubblica e deve servire il Paese con disciplina e onore come previsto dalla nostra Costituzione. Pare evidente però che in un Paese normale, i ministri si dimettano per molto meno”.
 
Il PD ha dimostrato “con l’accordo sul salario minimo che la nostra intenzione è lavorare con le altre opposizioni in merito a tutti i passaggi delicati della legislatura e quello di domani è uno di questi”. Rispetto alla possibilità di presentare una mozione di sfiducia, “lo decideremo insieme agli altri gruppi – dice Serracchiani -. Siamo anche curiosi di capire cosa farà la maggioranza e soprattutto cosa farà la premier. Ci sembra che nessuno stia difendendo a spada tratta la ministra”.

Ultimi articoli

Correlati

Bonaccini: “Volevamo un’altra autonomia, questa legge è sbagliata e divisiva”

"Basta leggere i documenti per capire che rispetto al nostro progetto si tratta di due proposte diametralmente opposte"

Sciogliere i movimenti di matrice fascista: il Pd al presidio a Roma

Quanto dobbiamo aspettare perché Piantedosi faccia il suo dovere?

Schlein: “Intollerabile e ignobile il silenzio del governo sulla tragedia di Roccella Ionica”

I racconti dei soccorritori di Medici senza frontiere lasciano atterriti eppure, per il governo, sono morti invisibili, senza peso

Bonaldi: Efficienza nella P.A. è umanizzare i servizi. Il digitale è strumento e non fine

Intervento di Stefania Bonaldi, Delegata della segreteria nazionale PD a P.A. e Innovazione, al Convegno “Intelligenza artificiale e P.A.: prospettive ed opportunità”

La morte di Satnam Singh è un atto bestiale. Schlein: “Ucciso da sfruttamento e disumanità”

Il governo metta in campo una mobilitazione vera di mezzi. A Latina serve un impegno collettivo per contrastare agromafia
spot_img