spot_img
spot_img
HomeFocusIuventa, sentenza storica: salvare...

Iuventa, sentenza storica: salvare vite non è un reato, vince la legge del mare

La fine di un incubo, durato sette anni, è racchiusa nella frase pronunciata dal gup di Trapani, Samuele Corso, “non luogo a procedere, perché il fatto non sussiste”. Viene così scritta la parola fine all’inchiesta giudiziaria che ha visto coinvolta la nave Iuventa dell’Ong tedesca Jugend Rentett.

In dieci, compresi quattro componenti dell’equipaggio dell’organizzazione tedesca e personale delle organizzazioni umanitarie, Save The Children e Medici Senza Frontiere, erano accusati di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e di aver avuto rapporti con i trafficanti libici.

Oggi, la decisione del giudice. L’udienza preliminare si è conclusa lo scorso 2 marzo, ma già la procura di Trapani il 28 febbraio aveva chiesto il “non luogo a procedere” per gli indagati, ritenendo poco solido il lavoro svolto dagli investigatori e non attendibili le dichiarazioni dei testimoni ascoltati in aula. A far partire le indagini, che portarono al sequestro della nave di soccorso nel 2017 a Lampedusa, le dichiarazioni di due agenti della Imi Security Service imbarcati su un’imbarcazione di Save The Children che avevano stilato un vero e proprio dossier, inviato al leader della Lega, Matteo Salvini che all’epoca si trovava all’opposizione. Nell’inchiesta finirono anche avvocati e giornalisti intercettati dai magistrati della Procura trapanese.

Schlein: “Sentenza storica, vince la legge del mare”

“Una sentenza storica, prosciolti tutti i membri dell’equipaggio delle ong Jugend Rettet, Save the children e Medici senza frontiere perché il fatto non sussiste. Questo dimostra che soccorrere è un obbligo e che come abbiamo sempre detto la solidarietà non è reato”. Così la segretaria del Partito democratico, Elly Schlein commenta la sentenza di non luogo a procedere per i 10 imputati accusati di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

“Le organizzazioni umanitarie impegnate nelle operazioni di soccorso in mare devono essere ringraziate e non criminalizzate, perché sopperiscono alla mancanza di una Missione europea di ricerca e soccorso in mare per cui il Partito democratico continuerà a battersi: in sostanza fanno quello che dovrebbero fare gli Stati e l’Unione europea. Speriamo – conclude Schlein – che nessuno si azzardi mai più a chiamarle taxi del mare”.

Ultimi articoli

Correlati

00:01:20

“800 milioni di fallimento elettorale”: i deputati Pd nel cantiere fantasma del governo in Albania

Il centro per i migranti voluto da Giorgia Meloni doveva essere operativo dal 20 maggio: al momento solo qualche ruspa e una desolante spianata di fango

Dopo 46 anni ancora sotto attacco: la legge 194 va difesa

Il Partito Democratico riafferma il suo impegno nella difesa della legge 194, una legge che va difesa e...

Schlein: “Salario minimo sempre più urgente per alzare gli stipendi più fermi in Europa”

La segretaria dem al Manifesto: "Drammatici i dati su povertà e salari, siamo al fianco dei lavoratori. Per Meloni sarà difficile bocciare la legge di iniziativa popolare"

La sanità pubblica al bivio: una legge e quattro princìpi per costruire il suo rilancio

Sereni sul Domani: al via le audizioni sulla proposta di legge Schlein per portare l’investimento per la salute alla media europea del 7,5% sul Pil. Ecco come

Il governo bara sui numeri della sanità. Il Pd porta la legge Schlein alla Camera

Boccia: "Oggi il sistema sanitario nazionale in Italia è in forte crisi e non è barando sui numeri che il governo potrà risanarlo"
spot_img