spot_img
spot_img
HomeNotizieCernobbio, PD: "No a...

Cernobbio, PD: “No a L’altra-Cernobbio, ennesima limitazione libertà di opinione”

“Siamo alla follia. Per la prima volta per motivi di ordine pubblico il sindaco di Cernobbio blocca “L’altra-Cernobbio” in concomitanza con il forum Ambrosetti. C’è un clima pessimo di censura. Questa destra di potere crede di poter comandare e non governare”, così su Twitter, Sandro Ruotolo, responsabile Informazione PD.
“La negazione da parte del Comune di Cernobbio della sala richiesta per il forum organizzato da ‘Sbilanciamoci’, concomitante, ma alternativo al forum Ambrosetti, è un altro assurdo tassello che si aggiunge alla limitazione della libertà di opinione nel nostro Paese. La sala viene negata per ‘motivi di ordine pubblico’, in quanto troppo vicina alla sede del forum più nobile. Una scusa assurda e ipocrita per una manifestazione che non ha mai dato problemi di ordine pubblico, che si svolge in un luogo chiuso, che ha fra i relatori ex ministri e personalità di rilievo del mondo associativo”, a scriverlo, in una nota, è Maria Cecilia Guerra, responsabile Lavoro del PD.

Ultimi articoli

Correlati

Bonaccini: “Volevamo un’altra autonomia, questa legge è sbagliata e divisiva”

"Basta leggere i documenti per capire che rispetto al nostro progetto si tratta di due proposte diametralmente opposte"

Sciogliere i movimenti di matrice fascista: il Pd al presidio a Roma

Quanto dobbiamo aspettare perché Piantedosi faccia il suo dovere?

Schlein: “Intollerabile e ignobile il silenzio del governo sulla tragedia di Roccella Ionica”

I racconti dei soccorritori di Medici senza frontiere lasciano atterriti eppure, per il governo, sono morti invisibili, senza peso

Bonaldi: Efficienza nella P.A. è umanizzare i servizi. Il digitale è strumento e non fine

Intervento di Stefania Bonaldi, Delegata della segreteria nazionale PD a P.A. e Innovazione, al Convegno “Intelligenza artificiale e P.A.: prospettive ed opportunità”

La morte di Satnam Singh è un atto bestiale. Schlein: “Ucciso da sfruttamento e disumanità”

Il governo metta in campo una mobilitazione vera di mezzi. A Latina serve un impegno collettivo per contrastare agromafia
spot_img