spot_img
spot_img
HomeFocusRidiamo valore all'università: più...

Ridiamo valore all’università: più diritto allo studio, meno telematiche

Si è tenuto giovedì 18 aprile a partire dalle ore 15, nella sala Sassoli della sede nazionale del Partito Democratico (Via Sant’Andrea delle Fratte, 16), il convegno dal titolo: “Ridiamo valore all’Università: più diritto allo studio, meno telematiche“.

Un appuntamento organizzato dal Dipartimento Università e Ricerca del Pd, a cui è intervenuta, in collegamento, anche la segreteria del Partito Democratico Elly Schlein. L’incontro, trasmesso in diretta sul sito del Partito Democratico e sul canale Youtube, è stato coordinato e concluso da Alfredo D’Attorre, responsabile nazionale Pd Università e Ricerca e si è aperto con le relazioni introduttive di Irene Micali, ricercatrice presso l’Università degli studi di Firenze e membro del CdA dell’Azienda regionale per il diritto allo studio universitario della Toscana, e di Mauro Tulli, ordinario presso l’Università degli Studi di Pisa e componente della Giunta di Presidenza del CUN.

“Una giornata di discussione – spiega D’Attorre – su due temi cruciali per il nostro sistema universitario, il sostegno al diritto allo studio e la necessità di un rigorosa regolamentazione degli atenei telematici. È essenziale rimettere al centro del dibattito pubblico le questioni vere da cui dipende la capacità del nostro sistema universitario di contrastare le disuguaglianze e sostenere la crescita civile ed economica del Paese. Lo è ancora di più di fronte a partiti di destra che parlano di Università solo per favorire interessi economici privati o per restringere gli spazi di libera discussione e critica. Al riguardo, va ribadita la ferma condanna di ogni ricorso a pratiche di violenza e intolleranza, ma va detto anche che c’è un pezzo di destra che sembra voler puntare sulla militarizzazione degli atenei per radicalizzare un clima di scontro e fare indirettamente il gioco di un ristretta minoranza di facinorosi. C’è invece una larghissima maggioranza di studenti, ricercatori e docenti che vogliono far sentire la loro voce per rilanciare il ruolo dell’Università come fattore di pace e di cooperazione tra i popoli, rifiutando con decisione l’arruolamento della ricerca scientifica in una logica di economia di guerra o di scontro fra civiltà.”

Sono intervenuti rappresentanti del Consiglio Universitario degli Studenti, della CRUI, dell’ANVUR, oltre a dirigenti e parlamentari del PD e delle altre forze di opposizione, a esponenti delle associazioni degli studenti (UDU, Primavera degli Studenti, Link), dei dottorandi (ADI), dei docenti e dei ricercatori (Rete 29 aprile, ARTeD) e delle forze sindacali.

Ultimi articoli

Correlati

00:01:20

“800 milioni di fallimento elettorale”: i deputati Pd nel cantiere fantasma del governo in Albania

Il centro per i migranti voluto da Giorgia Meloni doveva essere operativo dal 20 maggio: al momento solo qualche ruspa e una desolante spianata di fango

Dopo 46 anni ancora sotto attacco: la legge 194 va difesa

Il Partito Democratico riafferma il suo impegno nella difesa della legge 194, una legge che va difesa e...

Schlein: “Salario minimo sempre più urgente per alzare gli stipendi più fermi in Europa”

La segretaria dem al Manifesto: "Drammatici i dati su povertà e salari, siamo al fianco dei lavoratori. Per Meloni sarà difficile bocciare la legge di iniziativa popolare"

La sanità pubblica al bivio: una legge e quattro princìpi per costruire il suo rilancio

Sereni sul Domani: al via le audizioni sulla proposta di legge Schlein per portare l’investimento per la salute alla media europea del 7,5% sul Pil. Ecco come

Il governo bara sui numeri della sanità. Il Pd porta la legge Schlein alla Camera

Boccia: "Oggi il sistema sanitario nazionale in Italia è in forte crisi e non è barando sui numeri che il governo potrà risanarlo"
spot_img