spot_img
spot_img
HomeFocusRegolamentare l'IA senza frenare...

Regolamentare l’IA senza frenare l’Innovazione: ecco la nostra sfida

Nei giorni scorsi il premio Nobel Giorgio Parisi, in una lectio magistralis sulla Intelligenza Artificiale, affermava la necessità che gli Stati abbiano voce in capitolo “per valutare le conseguenze sociali dell’IA e non dare spazio a un capitalismo selvaggio”, per esempio sul fronte della perdita di posti di lavoro. Sempre gli Stati – ha aggiunto – devono avere “tecnici che si impegnino a comprendere i meccanismi che la governano, anche se l’IA è quasi tutta in mano ai privati (che pure usano la ricerca di base fatta con finanziamenti pubblici)”.

Una preoccupazione che il Partito Democratico accoglie perché si inserisce perfettamente nella sua riflessione nel merito. Abbiamo spesso dovuto “inseguire”, giocando di rimessa, lo sviluppo della tecnologia digitale che, soprattutto sul versante pedagogico non è stata priva di conseguenze di enorme impegno antropologico. Proprio per tale ragione, da forza politica progressista non vogliamo partecipare solo all’accompagnamento normativo di questa nuova avventura della nostra specie né possiamo limitarci a pensare che la semplice regolamentazione dell’IA esaurisca il nostro compito. Dobbiamo invece porci domande di più ampio respiro, per affrontare alcuni elementi critici.

Esiste il problema della disponibilità dell’IA, finora sviluppata solo da superpotenze terze rispetto alla UE (USA e CINA), dunque va sottolineata la nostra totale dipendenza tecnologica e il tema, più controverso, di come restituire valore ai dati pubblici utilizzati per l’implementazione dell’IA, la cui titolarità resta nelle mani di soggetti terzi, spesso privati.

Secondariamente, sulla scorta proprio delle affermazioni del prof. Parisi, la necessità che la formazione dell’IA non avvenga a scapito dei diritti dei lavoratori, pensiamo ai lavori di etichettatura a cottimo per implementare i sistemi di IA o a ipotesi di licenziamenti o riallocazioni di imprese a seguito dell’uso di IA: compito della politica è presidiare uno sviluppo sociale armonico e privo di ingiustizie.

Infine, l’attenzione ai cosi detti “rischi sistemici”: polarizzazione delle opinioni, danni alla salute, in particolare dei minori, conseguenze sui diritti fondamentali delle persone.

Noi crediamo che la scelta di prevedere obblighi anche per i fornitori di sistemi d’I.A. sia opportuna: non si può lasciarli liberi di operare e poi rimediare ai danni, come è accaduto con altre tecnologie.

Dire che le persone sono al centro dei processi tecnologici significa non solo porre limiti agli operatori, ma anche agire per indirizzare il mercato. Non è utile investire “a pioggia” per favorire genericamente lo sviluppo di aziende europee nel settore dell’IA. Abbiamo bisogno che gli investimenti vengano indirizzati alla realizzazione di un disegno chiaro e trasparente, con sistemi aperti e verificabili dalla comunità scientifica, che attuino i nostri valori e realizzino il bene comune, contribuendo alla costruzione di una società democratica, giusta, libera e solidale.

Stefania Bonaldi, responsabile Pubblica amministrazione, Professioni e Innovazione nella segreteria nazionale del Partito Democratico 

Ultimi articoli

Correlati

00:01:20

“800 milioni di fallimento elettorale”: i deputati Pd nel cantiere fantasma del governo in Albania

Il centro per i migranti voluto da Giorgia Meloni doveva essere operativo dal 20 maggio: al momento solo qualche ruspa e una desolante spianata di fango

Dopo 46 anni ancora sotto attacco: la legge 194 va difesa

Il Partito Democratico riafferma il suo impegno nella difesa della legge 194, una legge che va difesa e...

Schlein: “Salario minimo sempre più urgente per alzare gli stipendi più fermi in Europa”

La segretaria dem al Manifesto: "Drammatici i dati su povertà e salari, siamo al fianco dei lavoratori. Per Meloni sarà difficile bocciare la legge di iniziativa popolare"

La sanità pubblica al bivio: una legge e quattro princìpi per costruire il suo rilancio

Sereni sul Domani: al via le audizioni sulla proposta di legge Schlein per portare l’investimento per la salute alla media europea del 7,5% sul Pil. Ecco come

Il governo bara sui numeri della sanità. Il Pd porta la legge Schlein alla Camera

Boccia: "Oggi il sistema sanitario nazionale in Italia è in forte crisi e non è barando sui numeri che il governo potrà risanarlo"
spot_img