spot_img
spot_img
HomeNotiziePnrr, Orlando: "Ora cerca...

Pnrr, Orlando: “Ora cerca alibi, il governo ha perso mesi dietro misure di propaganda”

“So solo che siamo in una fase di pre-costituzione dell’alibi: mettere le mani avanti, scaricando responsabilità sull’esecutivo precedente. La verità mi sembra un’altra. Il governo ha perso mesi dietro a misure spot e regressive, dai voucher alla soglia del contante, e interventi di puro propagandismo, dal decreto rave alla caccia alle Ong”.
 
Parla così a la Repubblica Andrea Orlando, ex ministro del Lavoro e deputato Pd, intervenendo sul Pnrr.
 
Secondo Orlando, “la macchina pubblica, già non abituata a spendere, ha rallentato avvertendo un governo distratto e comunque poco convinto sugli obiettivi del Pnrr. L’idea che le cose arrivassero da sole li ha portati fuori strada”.
 
A parere dell’ex ministro, il governo avrebbe fatto meglio “ad agire di cacciavite e manutenzione quotidiana, anziché dedicarsi a richiami roboanti all’unità nazionale”.
 
“Il Pnrr rischia di saltare – riflette – non solo per l’incapacità di questo governo di stare col fiato sul collo della Pubblica amministrazione, ma per la sua strategia reazionaria e l’istintiva contrarietà alle trasformazioni, che finisce per svalutare il lavoro – precisa Orlando -, senza indicare alternative utili al Paese”.
 
Le crepe nella maggioranza e l’idea di rinunciare a parte dei fondi Ue? “Non mi meraviglia. Le Regioni sono in forte difficoltà, in ritardo sugli obiettivi. E tre quarti sono governate dal centrodestra. Ma sarebbe una cosa gravissima – ribadisce l’esponente dem -. Il fallimento del Pnrr segnerebbe il fallimento di importanti obiettivi di modernizzazione del Paese a partire dalle transizioni gemelle, ecologica e digitale. Unito all’aumento dei tassi di interesse, di cui nessuno al governo parla, si tradurrebbe in un potente freno dell’economia”.

Ultimi articoli

Correlati

Piazza della Loggia: 50 anni di depistaggi e verità nascoste

Sempre, con fierezza, in nome dell’antifascismo e dei valori della nostra Repubblica, contro ogni forma di violenza politica, continuiamo a chiedere giustizia e verità

Inaccettabile quello che è accaduto a Rafah. Bisogna fermare la follia di Netanyahu

Subito cessate il fuoco e riconoscimento dello Stato di Palestina

Perché Toti si deve dimettere subito

La Liguria non merita di rimanere immobilizzata dalla mancanza di responsabilità del governo Meloni

Schlein: “Con Meloni e Le Pen i popolari tradiscono la Ue”

La segretaria dem a La Stampa: Non vedo la differenza tra l'Afd e Zemmour. Meloni dopo di lui è pronta ad accogliere Orban e Le Pen?

No al premierato, autocrazia che minaccia la tenuta democratica

Contro "la madre di tutte le riforme" in salsa Meloni il Pd è impegnato nello scontro parlamentare, emendamento su emendamento, e sarà in piazza il 2 giugno
spot_img