spot_img
spot_img
HomeNotiziePnrr, Bonaccini: "Per i...

Pnrr, Bonaccini: “Per i progetti tolti non ci sono risorse ma solo intenzioni”

Il presidente dell’Emilia Romagna e dell’Assemblea nazionale PD, Stefano Bonaccini, in una intervista al “Corriere della Sera” commenta il taglio alle risorse del Pnrr: “Nella proposta del governo mancano all’appello 16 miliardi. E’ un fatto. Che poi riescano a trovare coperture diverse è un altro conto. Ma oggi quei soldi non ci sono”.
 
“Basta leggere – aggiunge – il documento redatto dallo stesso governo. A seconda dei casi si parla della prossima programmazione del Fondo di sviluppo e coesione, dei fondi europei, del fondo investimenti della sanità o genericamente di fondi nazionali. Ma nessuna di queste è una copertura finanziaria certa, nella migliore delle ipotesi si tratta di buone intenzioni”.
 
Il governatore osserva inoltre che “già alla terza rata abbiamo accumulato ritardi e problemi, mentre la quarta è di là da venire. E non siamo neanche a metà del guado. E a questo punto contano solo gli atti e i fatti concreti, non le parole”.
 
Preoccupa che siano a rischio i fondi per il contrasto al dissesto idrogeologico, vista l’alluvione che ha devastato l’Emilia-Romagna: “Sono molto preoccupato, perché il Paese sta affrontando un’emergenza continua. Non posso però non apprezzare che Fitto abbia inserito nel documento un’attenzione specifica per i territori dell’Emilia Romagna colpiti dall’alluvione di maggio. Noi siamo pronti ad avanzare proposte concrete, per spendere senza ritardi le risorse del Pnrr. Ci mettano in condizioni di farlo”.
 
La segretaria dem Elly Schlein dice alla premier Meloni ‘se smettete di tagliare noi ci siamo’: “Il Pnrr non è di una parte politica, ma di tutto il Paese, che ha ricevuto queste risorse dall’Europa per sostenere investimenti e lavoro nella transizione energetica e digitale, per creare i servizi dove mancano, per colmare i divari del Sud ma anche delle aree interne. Rinunciare a queste risorse – conclude Bonaccini – sarebbe imperdonabile”.

Ultimi articoli

Correlati

Piazza della Loggia: 50 anni di depistaggi e verità nascoste

Sempre, con fierezza, in nome dell’antifascismo e dei valori della nostra Repubblica, contro ogni forma di violenza politica, continuiamo a chiedere giustizia e verità

Inaccettabile quello che è accaduto a Rafah. Bisogna fermare la follia di Netanyahu

Subito cessate il fuoco e riconoscimento dello Stato di Palestina

Perché Toti si deve dimettere subito

La Liguria non merita di rimanere immobilizzata dalla mancanza di responsabilità del governo Meloni

Schlein: “Con Meloni e Le Pen i popolari tradiscono la Ue”

La segretaria dem a La Stampa: Non vedo la differenza tra l'Afd e Zemmour. Meloni dopo di lui è pronta ad accogliere Orban e Le Pen?

No al premierato, autocrazia che minaccia la tenuta democratica

Contro "la madre di tutte le riforme" in salsa Meloni il Pd è impegnato nello scontro parlamentare, emendamento su emendamento, e sarà in piazza il 2 giugno
spot_img