spot_img
spot_img
HomeNotiziePerché Toti si deve...

Perché Toti si deve dimettere subito

Un conto è la questione giudiziaria, che farà il suo corso, avrà i suoi tempi e seguirà le sue procedure. Un conto è il piano politico e su questo non ci sono dubbi: da due settimane, da quando cioè il governatore Toti è stato arrestato, la Liguria si trova in un limbo. Immobile, paralizzata, impantanata.

Per questo il Partito Democratico lo ha chiesto fin da subito: Giovanni Toti si deve dimettere. Deve farlo immediatamente, anzi, a dirla tutta, non si sa perché ancora non lo abbia fatto. Lo deve fare per la Regione che amministra, lo deve fare per dare un segnale di trasparenza ai suoi concittadini. E se non riesce a prendere questa decisione da solo, dovrebbe essere Giorgia Meloni, che è a capo di un governo che continua a prendere tempo, a chiederglielo.

Ma si sa che il Governo di destra usa due pesi e due misure quando si tratta di legalità (ricordate le sguaiate accuse per i “casi” Decaro o Emiliano, che non sono stati neanche sfiorati da indagine?).

In Liguria la situazione è molto grave. Andrea Orlando, in un’intervista a “La Repubblica”, ne da un quadro preciso emerso dalla indagini: esisteva una “cupola” che ha mescolato interessi imprenditoriali e burocratici, bypassando le istituzioni tradizionali a favore di incontri esclusivi e decisioni prese lontano dagli occhi del pubblico. Questo sistema ha finito per espropriare la democrazia regionale, sostituendo gli organi elettivi con decisioni prese da una sola persona in ambienti ristretti e spesso inappropriati.

Ciò mette in evidenza non solo una crisi di governance locale, ma solleva anche questioni più ampie sul modello di leadership e sull’efficacia delle politiche anti-corruzione a livello nazionale. E’ questo che la Presidente Meloni ha in mente quando parla di premierato?

Elly Schlein, segretaria del PD, consapevole del fatto che l’ombra di corruzione e criminalità organizzata non riguardano solo la regione ligure, critica gli strumenti adottati finora da Meloni. Alcuni provvedimenti, come l’innalzamento del limite del contante, sono insufficienti e spesso controproducenti.

La risposta di Meloni e della sua coalizione a queste sfide sarà cruciale per determinare il futuro politico della regione e potrebbe avere implicazioni significative per la stabilità politica del Paese nei mesi a venire. Quanto ancora dobbiamo aspettare?

Ultimi articoli

Correlati

Schlein: “Assurdo che sia l’unica donna al G7 a limitare i diritti di tutte le altre donne”

La segretaria del Pd a Repubblica: "Dobbiamo costruire un piano alternativo di governo, non è il momento di perderci in polemiche: l'avversario è questa destra"

Aborto, al G7 va in scena una vergogna nazionale. Meloni si scusi

Prima ancora del suo inizio, al G7 esplode il caso sulla sparizione nella bozza del diritto all'aborto. Il governo nega di averlo cancellato, ma la tensione è alta

Decaro: “Il record di voti non l’ho visto arrivare. Il Sud punisce il governo perché non dice la verità”

Il sindaco di Bari a Repubblica: "L'unico modo che conosco per guadagnare consenso è studiare, mantenere più che promettere, cercando di dire sempre la verità"

Bonaccini: “Ha vinto la squadra. Mai il Pd così unito”

Il presidente dem a QN: "Mai come ora il Pd è stato presente nei luoghi dove si discute e ci si confronta guardando negli occhi le persone"

Schlein: “Abbiamo riportato il Pd tra la gente e restituito la speranza a chi l’aveva perduta”

Elly Schlein in una intervista a Repubblica commenta il voto delle europee parlando di risultato "straordinario"
spot_img