spot_img
spot_img
HomeNotizieNomine, PD: "Operazione di...

Nomine, PD: “Operazione di potere senza visione strategica”

La tornata di nomine si è risolta in una mera operazione di potere all’interno della maggioranza, con scelte discutibili e lasciando totalmente ai margini un punto fondamentale: in relazione a quali missioni strategiche per il Paese sono stati indicati i vertici delle società a partecipazione pubblica. Questo è un tema su cui è necessario discutere e confrontarsi in Parlamento, perché altrimenti il rito delle nomine si esaurisce in un regolamento dei rapporti di forza nella maggioranza, senza alcuna connessione con i grandi obiettivi per il Paese, dall’attuazione del PNRR alla doppia transizione ecologica e digitale per il quale il ruolo delle grandi società partecipate è assolutamente cruciale”.
 
Così in una nota Antonio Misiani, responsabile Economia nella segreteria Nazionale del Partito democratico.

Ultimi articoli

Correlati

Decaro: “Il record di voti non l’ho visto arrivare. Il Sud punisce il governo perché non dice la verità”

Il sindaco di Bari a Repubblica: "L'unico modo che conosco per guadagnare consenso è studiare, mantenere più che promettere, cercando di dire sempre la verità"

Bonaccini: “Ha vinto la squadra. Mai il Pd così unito”

Il presidente dem a QN: "Mai come ora il Pd è stato presente nei luoghi dove si discute e ci si confronta guardando negli occhi le persone"

Schlein: “Abbiamo riportato il Pd tra la gente e restituito la speranza a chi l’aveva perduta”

Elly Schlein in una intervista a Repubblica commenta il voto delle europee parlando di risultato "straordinario"

Il Pd diventa la prima delegazione nel gruppo dei Socialisti Ue

La riunione per la costituzione del gruppo è prevista per il prossimo 25 giugno

Europee 2024, Braga: “Il Pd rinasce come perno dell’alternativa di Governo”

La sinistra italiana sembra aver ritrovato la sua anima e una nuova energia per affrontare le sfide future
spot_img