spot_img
spot_img
HomeNotizieMoro, Schlein: sempre vivo...

Moro, Schlein: sempre vivo il dolore e attuale la sua lezione
M

Quarantacinque anni dopo restano vivi il dolore e il ricordo di uno dei momenti più drammatici della nostra storia. Il rapimento di Aldo Moro e l’uccisione di Oreste Leonardi, Domenico Ricci, Raffaele Iozzino, Giulio Rivera e Francesco Zizzi hanno segnato una delle pagine più buie della nostra Repubblica. Ma resta anche la sua lezione per una democrazia compiuta e il grande senso delle istituzioni che hanno caratterizzato la sua azione”.
Così la segretaria del PD, Elly Schlein nel quarantacinquesimo anniversario della strage. 
Questa mattina una delegazione del Partito Democratico si è recata in Via Fani.
Erano presenti la vice presidente del PD Chiara Gribaudo, la capogruppo alla Camera Debora Serracchiani, la capogruppo al Senato Simona Malpezzi, la vice presidente del Senato Anna Rossomando, i vice presidenti del gruppo PD della Camera Peppe Provenzano e Piero De Luca, la vice presidente del gruppo PD del Senato Beatrice Lorenzin e il parlamentare Andrea Casu.

Ultimi articoli

Correlati

Impennata dei minori detenuti, la giustizia minorile non meritava il dl Caivano

Presentato il settimo rapporto Antigone sulla giustizia minorile, che da rieducativa diventa sempre più punitiva: "politica perdente"

Al via finalmente il processo Regeni: una giornata importante

Noi continuiamo a stare a fianco della famiglia nella ricerca di verità e giustizia
00:54:55

Direzione Pd, la relazione di Elly Schlein: “Senza di noi nessuna alternativa alla destra”

Direzione nazionale del Partito Democratico, la relazione introduttiva della Segretaria Elly Schlein. Crollo Firenze: serve nuova cultura del lavoro "Il...

La sicurezza dei lavoratori prima di tutto: basta sub appalti a cascata

L'idea della segretaria dem: "Chiediamo si estenda anche al privato l'obbligo di utilizzo del contratto edile"

Sensi: “La morte di Navalny come il delitto Matteotti”

"Speriamo che sia un momento di presa di consapevolezza e smuova le coscienze". Sintesi dell'intervista a Filippo Sensi su Repubblica
spot_img