spot_img
spot_img
HomeNotizieMes, Misiani: "Così si...

Mes, Misiani: “Così si indebolisce la credibilità dell’Italia. Subito il testo in aula”

“Se non parlassimo di cose serie, ci sarebbe da sbellicarsi. In realtà, facendo ostruzionismo a se stessa la maggioranza sta provocando un doppio danno all’Italia. Impedisce l’entrata in vigore di uno strumento importante per la stabilità finanziaria di tutta l’Europa e indebolisce la credibilità del nostro Paese in una fase delicatissima: in orizzonte, ci sono la discussione sul patto di Stabilità, la revisione del Pnrr, nomine europee importantissime…”.
 
Lo dice, al Corriere della Sera, il senatore Antonio Misiani, responsabile allo Sviluppo economico del PD, in merito al Mes.
 
“Abbiamo assistito a qualcosa con pochi precedenti: una maggioranza che diserta i lavori pur di non votare una ratifica. Una cosa patetica e ridicola“, sottolinea.
 
“Di fronte all’opinione pubblica – aggiunge Misiani – , sono prigionieri della loro propaganda. Quella che per anni ha fatto dipingere il Mes come il male assoluto da parte di FdI e Lega… “.
 
“La mancata ratifica sarebbe un colpo molto duro all’immagine dell’Italia. Ma anche a quella della premier Meloni – precisa il dem -, che gioca a fare la Thatcher de noantri. In realtà, è in imbarazzo perché al prossimo Consiglio europeo, a giorni, si presenterà a mani vuote. Una decisionista senza decisioni”.

Ultimi articoli

Correlati

Piazza della Loggia: 50 anni di depistaggi e verità nascoste

Sempre, con fierezza, in nome dell’antifascismo e dei valori della nostra Repubblica, contro ogni forma di violenza politica, continuiamo a chiedere giustizia e verità

Inaccettabile quello che è accaduto a Rafah. Bisogna fermare la follia di Netanyahu

Subito cessate il fuoco e riconoscimento dello Stato di Palestina

Perché Toti si deve dimettere subito

La Liguria non merita di rimanere immobilizzata dalla mancanza di responsabilità del governo Meloni

Schlein: “Con Meloni e Le Pen i popolari tradiscono la Ue”

La segretaria dem a La Stampa: Non vedo la differenza tra l'Afd e Zemmour. Meloni dopo di lui è pronta ad accogliere Orban e Le Pen?

No al premierato, autocrazia che minaccia la tenuta democratica

Contro "la madre di tutte le riforme" in salsa Meloni il Pd è impegnato nello scontro parlamentare, emendamento su emendamento, e sarà in piazza il 2 giugno
spot_img