spot_img
spot_img
HomeNotizieMaltempo, PD: "Viceministro Bignami...

Maltempo, PD: “Viceministro Bignami vergognoso, governo inadeguato e ipocrita”

“Lo vedete questo signore? Si chiama Galeazzo Bignami ed è viceministro alle infrastrutture. Ha scritto un post vergognoso. Imputa alla Regione Emilia Romagna di non aver informato il governo circa gli interventi necessari per i danni provocati dall’alluvione. Ci vuole una faccia tosta, la stessa di questa foto”, lo scrive su Facebook Sandro Ruotolo, responsabile Informazione, Cultura, Culture e Memoria in segreteria PD, allegando la foto del viceministro che lo ritrae vestito da nazista.
Alfredo D’Attorre, responsabile Università, scrive: “Il vice-ministro Bignami, già noto alle cronache per i suoi travestimenti da gerarca nazista, ci comunica che le risorse urgenti per l’emergenza, sollecitate dagli enti territoriali dell’Emilia-Romagna, sono soldi dati alla Schlein e ai suoi amici. C’è davvero da vergognarsi”.
“Dopo le parole vergognose del Ministro Musumeci, il vice Ministro Bignami insulta in maniera squallida e irricevibile la segretaria Schlein e chi è seriamente al lavoro per governare l’emergenza. Nascondere la propria grave inadeguatezza – evidente già a molti grazie a scelte ‘carnevalesche’ – dietro arroganza e aggressività, sembra essere la cifra di questo Governo. Torniamo a chiedere che finisca la campagna elettorale e si inizino ad affrontare le proprie responsabilità con serietà e rispetto delle istituzioni”.
Lo dichiara Annalisa Corrado, responsabile Conversione Ecologica, Clima, Green Economy e Agenda 2030 nella segreteria PD.
Le fa eco Stefania Gasperini, vice sindaca di Carpi e Presidente della Commissione Nazionale di Garanzia del Partito Democratico: “Un viceministro che non rispetta non solo le istituzioni ma le persone che in Emilia-Romagna aspettano risposte e pretendono che le promesse fatte con gli stivali nel fango siano mantenute. Il problema non è il Pd ma il rispetto per chi ha perso tutto. Meno cinema e più fatti”.
“Prima vanno a fare le passerelle nel fango, poi fanno finta di stanziare soldi che non ci sono, infine insultano gli alluvionati dicendo loro che ‘il governo non è un bancomat’. Ma oggi arriva la ciliegina sulla torta dell’ipocrisia e della vergogna”, così su Twitter Marco Furfaro, responsabile Iniziative Politiche, Contrasto alle diseguaglianze, Welfare, e continua: “Praticamente uno famoso alle cronache solo per essersi vestito da nazista e che ora, non si sa come, fa il viceministro delle infrastrutture, chiede se ‘Voi vi fidereste di Schlein e compagni?’. Fa già ridere così, se non ci fosse il fatto che quei soldi devono andare a persone che hanno perso tutto. E che a differenza del viceministro mascherato non hanno più un euro per andare avanti”.
Ancha Marta Bonafoni, coordinatrice della Segreteria, Terzo settore e Associazionismo, interviene così su twitter: “Dalla performance con gli stivali nel fango agli insulti agli alluvionati, senza passare dal via. Il governo Meloni fermi la ruota delle dichiarazioni offensive e si metta al lavoro per dare risposte all’Emilia-Romagna”.
“Ma davvero la storia di serietà, abnegazione e laboriosità di generazioni di amministratori dell’Emilia-Romagna può essere infangata da un Bignami qualsiasi?”, Camilla Laureti, responsabile politiche agricole, aggiunge: ” Le sue parole sulle stime dei danni dell’alluvione provocano un brivido lungo la schiena: non solo per la sgradevolezza delle offese, ma soprattutto per la colossale e farneticante ignoranza tecnica dimostrata. Che l’Italia sia affidata a gente di tale dilettantismo è un pericolo gravissimo per tutte e tutti noi cittadini, a prescindere dal colore politico di ciascuno”.

Ultimi articoli

Correlati

Piazza della Loggia: 50 anni di depistaggi e verità nascoste

Sempre, con fierezza, in nome dell’antifascismo e dei valori della nostra Repubblica, contro ogni forma di violenza politica, continuiamo a chiedere giustizia e verità

Inaccettabile quello che è accaduto a Rafah. Bisogna fermare la follia di Netanyahu

Subito cessate il fuoco e riconoscimento dello Stato di Palestina

Perché Toti si deve dimettere subito

La Liguria non merita di rimanere immobilizzata dalla mancanza di responsabilità del governo Meloni

Schlein: “Con Meloni e Le Pen i popolari tradiscono la Ue”

La segretaria dem a La Stampa: Non vedo la differenza tra l'Afd e Zemmour. Meloni dopo di lui è pronta ad accogliere Orban e Le Pen?

No al premierato, autocrazia che minaccia la tenuta democratica

Contro "la madre di tutte le riforme" in salsa Meloni il Pd è impegnato nello scontro parlamentare, emendamento su emendamento, e sarà in piazza il 2 giugno
spot_img