spot_img
spot_img
HomeEuropa e MondoL'ONU approva la risoluzione...

L’ONU approva la risoluzione che chiede il cessate il fuoco a Gaza. Finalmente

Dopo mesi di stallo il Consiglio di Sicurezza ha finalmente approvato una risoluzione che chiede il cessate il fuoco a Gaza. Nel documento, che ha ottenuto 14 voti a favore e l’astensione degli Usa, si “chiede un cessate il fuoco immediato per il Ramadan rispettato da tutte le parti che conduca ad un cessate il fuoco durevole e sostenibile e il rilascio immediato e incondizionato di tutti gli ostaggi, nonché la garanzia dell’accesso umanitario per far fronte alle loro esigenze mediche e umanitarie”. L’adozione è stata salutata con un lungo applauso.

Scrive Elly Schlein in un post pubblicato sul suo profilo Instagram e su quello del partito: “Per fermare il massacro di civili palestinesi che conta già oltre 32mila vittime e per liberare gli ostaggi ancora detenuti da Hamas. Per portare tutti gli aiuti umanitari necessari perché è una vergogna insopportabile che 1500 camion siano bloccati al valico di Rafah con i palestinesi che muoiono non solo per le bombe ma anche di fame e di assenza di cure.

Un cessate il fuoco che porti ad ogni sforzo per ricostruire una strada di pace per il Medio Oriente, nel pieno riconoscimento dei due Stati”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da elly schlein (@ellyesse)

“Finalmente il Consiglio di sicurezza dell’ONU chiede un cessate il fuoco immediato per il rilascio incondizionato di tutti gli ostaggi, nonché la garanzia dell’accesso umanitario. Netanyahu si fermi, non deve e non può entrare a Rafah, in spregio al diritto e alla comunità internazionale”. A scriverlo su su X è Giuseppe Provenzano, responsabile Esteri, Europa e Cooperazione internazionale nella segreteria nazionale del Pd.

Secondo Chiara Braga, capogruppo del Pd alla Camera, è “un segnale importante. Come ha detto il segretario generale Antonio Guterres sarebbe imperdonabile non sfruttarlo. Si facciano arrivare aiuti umanitari e si gettino le basi per una nuova prospettiva di pace e convivenza”.

Ultimi articoli

Correlati

Riduzione dell’orario di lavoro a parità di salario: una sperimentazione che funziona

"Io sono favorevole a prevedere strumenti per incentivare la contrattazione collettiva e aziendale per la sperimentazione della riduzione...

La destra sta restringendo la democrazia italiana: ormai è deriva orbaniana

La fotografia è quella di un Parlamento assoggettato al governo. Ciò che sta succedendo in queste ore è solo l'ennesima, drammatica conferma

Due milioni di italiani rinunciano a curarsi. La nostra mobilitazione non si ferma

Sereni: l'analisi di Gimbe conferma povertà sanitaria e diseguaglianze in aumento. Dati ancora più inquietanti alla luce del nuovo Def, e della riforma Calderoli

L’ombra dei tagli e il silenzio sul DEF: ecco il governo ‘struzzo’

La questione del DEF non è solo una disputa tecnica sui numeri ma riflette una più ampia battaglia politica sul futuro economico del Paese

La Rai ridotta a megafono del governo, oltre i limiti della decenza

Ruotolo: stop all'occupazione dei media, siamo di fronte a un'emergenza democratica
spot_img