spot_img
spot_img
HomeFocusLa scuola targata Meloni:...

La scuola targata Meloni: una patina di sovranismo e disciplina a coprire il nulla

Sarà perché nessuno ha capito bene di cosa si trattasse e cosa avrebbe dovuto insegnare. Sarà che non c’era un piano di studi definito, non ci sono stati open day ed è nato che le iscrizioni erano già aperte. Sarà che l’odore di propaganda si sentiva lontano un miglio ma il liceo del Made in Italy non ha fatto breccia nei cuori degli studenti. Solo 375 iscrizioni, lo 0,08% di quanti, quest’anno, hanno dovuto scegliere la scuola superiore.

Il ministro delle Imprese e del Made in Italy Adolfo Urso e il ministro dell’Istruzione Valditarra sono comunque contenti. In fondo per un progetto così sconclusionato anche lo 0,08% è effettivamente un successo.

Non è dello stesso parere Irene Manzi, responsabile scuola nella segreteria del Pd: “La verità è che ci troviamo di fronte a una proposta bocciata da famiglie, docenti e dirigenti scolastici, una riforma fatta senza ascoltare il mondo della scuola secondo il consueto metodo praticato dall’attuale governo in materia di istruzione”.

Qual è questo metodo? Pubblicizzare il niente e proporlo come grande innovazione. E’ successo col liceo del Made in Italy, continua con l’annuncio dell’ennesimo cambio nel sistema di valutazione degli studenti e prosegue con la repressione degli studenti delle scuole.

Tutto fumo negli occhi per nascondere che la scuola non è la priorità di questo governo, se non come strumento di controllo e punizione. Nessun interesse nell’intervenire per innovare i piani di studio, aumentare la capacità formativa, far diventare la scuola un punto di riferimento per le famiglie e studenti. Come ha ricordato la responsabile dem Irene Manzi, “Valditara invece di millantare un successo che non esiste dovrebbe capire che le riforme vanno costruite con il mondo della scuola e non a prescindere da esso. C’è ancora tempo per correggere il tiro: invito il ministro a riconsiderare l’approccio ad una riforma pesantemente bocciata da chi vive ogni giorno il mondo della scuola “.

Perché, se la scuola del governo Meloni è tutta italianità e disciplina, niente è più lontano dal futuro.

Ultimi articoli

Correlati

“Governo mani di forbice. Così si tagliano le risorse ai Comuni”

La segretaria dem al Corriere della Sera: "Meloni bugiarda, è la regina dei tagli. Amica dei neo-franchisti, in Ue va contro interesse nazionale"
00:01:20

“800 milioni di fallimento elettorale”: i deputati Pd nel cantiere fantasma del governo in Albania

Il centro per i migranti voluto da Giorgia Meloni doveva essere operativo dal 20 maggio: al momento solo qualche ruspa e una desolante spianata di fango

Dopo 46 anni ancora sotto attacco: la legge 194 va difesa

Il Partito Democratico riafferma il suo impegno nella difesa della legge 194, una legge che va difesa e...

Schlein: “Salario minimo sempre più urgente per alzare gli stipendi più fermi in Europa”

La segretaria dem al Manifesto: "Drammatici i dati su povertà e salari, siamo al fianco dei lavoratori. Per Meloni sarà difficile bocciare la legge di iniziativa popolare"

La sanità pubblica al bivio: una legge e quattro princìpi per costruire il suo rilancio

Sereni sul Domani: al via le audizioni sulla proposta di legge Schlein per portare l’investimento per la salute alla media europea del 7,5% sul Pil. Ecco come
spot_img