spot_img
spot_img
HomeNotizieIl Partito Democratico aderisce...

Il Partito Democratico aderisce ai Pride italiani

Anche quest’anno il Partito Democratico aderisce ai Pride organizzati in decine di città italiane. Durante il Pride Month centinaia di migliaia di persone scenderanno nelle piazze e nelle strade delle nostre città per rivendicare la piena uguaglianza e la piena cittadinanza della comunità lgbtqia+ anche in Italia.
 
Il Partito Democratico è con loro e continua questa battaglia di civiltà fuori e dentro il Parlamento e mai come quest’anno sente la responsabilità di farsi carico della richiesta di riconoscimento di diritti che già sono realtà in tutti gli stati occidentali e fondatori dell’Unione Europea.
 
Invece il governo Meloni e la maggioranza di destra negli ultimi mesi si sono resi protagonisti di un inedito attacco alla cittadinanza lgbtqia+ italiana, in particolare alle famiglie arcobaleno e ai loro figli. Un attacco che non solo relega il nostro Paese su posizioni del tutto analoghe ai Paesi di Visegrad, come anche il Parlamento Europeo ha già certificato nelle scorse settimane, ma lede anche il principio costituzionale di uguaglianza fissato nell’art. 3 della Costituzione.
 
I Pride dunque saranno un’occasione di resistenza pacifica e democratica, ma allo stesso tempo ferma e forte, alle politiche discriminatorie messe in atto dalla destra.”

Ultimi articoli

Correlati

Piazza della Loggia: 50 anni di depistaggi e verità nascoste

Sempre, con fierezza, in nome dell’antifascismo e dei valori della nostra Repubblica, contro ogni forma di violenza politica, continuiamo a chiedere giustizia e verità

Inaccettabile quello che è accaduto a Rafah. Bisogna fermare la follia di Netanyahu

Subito cessate il fuoco e riconoscimento dello Stato di Palestina

Perché Toti si deve dimettere subito

La Liguria non merita di rimanere immobilizzata dalla mancanza di responsabilità del governo Meloni

Schlein: “Con Meloni e Le Pen i popolari tradiscono la Ue”

La segretaria dem a La Stampa: Non vedo la differenza tra l'Afd e Zemmour. Meloni dopo di lui è pronta ad accogliere Orban e Le Pen?

No al premierato, autocrazia che minaccia la tenuta democratica

Contro "la madre di tutte le riforme" in salsa Meloni il Pd è impegnato nello scontro parlamentare, emendamento su emendamento, e sarà in piazza il 2 giugno
spot_img