spot_img
spot_img
HomeNotizieIl caso Vannacci manda...

Il caso Vannacci manda il tilt governo e maggioranza

La notizia del giorno, nel campo della destra, è la sospensione dall’incarico per undici mesi applicata dal ministro della Difesa Guido Crosetto nei confronti del generale Roberto Vannacci. La vicenda è ormai tristemente nota: Vannacci ha scritto un libro pieno di frasi aberranti, omofobe, sessiste e xenofobe. E le motivazioni del provvedimento disciplinare – che prevede anche detrazione di anzianità e dimezzamento dello stipendio – sono state rese note dall’avvocato dell’ufficiale, Giorgio Carta.

“La sanzione stigmatizza le circostanze della pubblicazione del libro ‘Il mondo al contrario’ che avrebbe asseritamente denotato ‘carenza del senso di responsabilità’ e determinato una ‘lesione al principio di neutralità/terzietà della Forza Armata’, ‘compromettendo il prestigio e la reputazione dell’Amministrazione di appartenenza e ingenerando possibili effetti emulativi dirompenti e divisivi nell’ambito della compagine militare'”.

Una (triste) storia che potrebbe finire qui, visto il polverone che ha scatenato la pubblicazione del libro di Vannacci e il giusto intervento del ministero della Difesa. E invece no, il caso sta montando. Non tanto perché il generale ha annunciato che farà uno scontato ricorso, quanto più per le conseguenze politiche del provvedimento. Vannacci, come noto, è molto lusingato dal flirt della Lega, che vorrebbe candidarlo alle elezioni europee.

Inevitabile, quindi, che il leader della Lega (nonché ministro dei Trasporti e vicepremier) Matteo Salvini decida di dedicare il suo contributo giornaliero alla causa del generale, ovviamente attraverso i suoi canali social: “Un’inchiesta al giorno – tuona Salvini – siamo al ridicolo, quanta paura fa il generale? Viva la libertà di pensiero e di parola, viva le Forze Armate e le Forze dell’Ordine, viva uomini e donne che ogni giorno difendono l’onore, la libertà e la sicurezza degli Italiani”.

Insomma, un post d’ordinanza. Peccato che però in questo caso non si tratti di un’inchiesta (che pure non mancano a carico del generale), ma di un provvedimento disciplinare comminato da uno dei più importanti ministeri del governo di cui Salvini è vicepremier, guidato dal suo alleato Guido Crosetto, uno degli uomini più vicini alla presidente del Consiglio Giorgia Meloni.

Insomma, ormai nel Governo è tutti contro tutti. La destra è già dentro ad una sanguinosa campagna elettorale interna. Il problema, però, è che nel mentre dovrebbero governare insieme un Paese. E lo stanno facendo poco e male.

“Con la sospensione sacrosanta di Vannacci, Salvini è piombato nell’ennesimo cortocircuito. La sanzione arriva dal ministero della Difesa, guidato dal suo collega Guido Crosetto. Se non ci sta, invece di frignare sui social, prenda il telefono, o ha perso il numero di Crosetto?” Così sui social Alessandro Zan, deputato e responsabile Diritti della segreteria nazionale Pd.

In giornata è arrivata la replica piccata dello stesso ministro: “Uscirà una nota della Difesa che spiega ai non pratici in materia che parliamo di procedimenti partiti mesi fa, e che avvengono in modo automatico e che sono totalmente esterni dall’input dell’autorità politica perché partono da un’autorità tecnica. Una volta che tutte le informazioni saranno disponibili, magari i commenti saranno più appropriati. Per quanto mi riguarda tra un po’ finirò le guance da porgere”.

 

Ultimi articoli

Correlati

00:00:00

Ridiamo valore all’università: più diritto allo studio, meno telematiche

Un appuntamento organizzato dal Dipartimento Università e Ricerca del Pd, a cui interverrà anche la segreteria del Partito Democratico Elly Schlein

La tessera 2024 del Pd è dedicata a Enrico Berlinguer

'Casa per casa, strada per strada', è il claim scelto dal Partito democratico per la nuova campagna di tesseramento

Voto in condotta e giudizi sintetici: no alla scuola repressiva e autoritaria

Il ddl Valditara rivela un'idea repressiva e puntiva della scuola e ci riporta indietro di decenni

Strage di Cutro, vogliamo la verità

Chiediamo la piena verità e che sia fatta piena giustizia. Lo dobbiamo alle vittime, ai loro familiari e al rispetto che abbiamo per la storia di accoglienza del nostro Paese

Mahmoud: da Laboratorio di Frascati l’impulso alla partecipazione politica contro l’astensionismo

Fornire una cassetta degli attrezzi per affrontare le campagne elettorali per le europee e per le amministrative
spot_img