spot_img
spot_img
HomeNotizieGuerra: "Difficile convincere l'Europa...

Guerra: “Difficile convincere l’Europa e resta il problema della cassa”

“Aumentare il deficit per finanziare la manovra? Siamo in una terra di mezzo, qualche margine attorno al 4% si può ricavare ma non molto più in là”.
 
Lo dice in un’intervista a La Stampa l’ex sottosegretario all’Economia Maria Cecilia Guerra, ora responsabile PD del Lavoro.
 
“Il governo deve barcamenarsi fra due obiettivi, quello legato alle vecchie regole – spiega – ed alla ripartenza del patto di stabilità, e quel margine in più di deficit che si può fare facendo però capire all’Europa che adempiremo anche a quelle future”.  
C’è il problema, “oggi certamente molto pesante, legato alla cassa, al fabbisogno, visto che ogni anno occorre comunque far fronte alle obbligazioni maturate”.
 
Quello che in questo quadro di ristrettezze preoccupa “è il fatto che il governo sembra rinunciare a quegli spazi che ha di spesa pubblica importante a sostegno della crescita come quelli legati al Pnrr”.
 
Il “ridimensionamento continuo, anche in occasione della discussione sulla quinta rata, di queste spese ha effetti sulla crescita”.  
Il fatto che “vengano messi in discussione soprattutto i piani degli enti locali, con una finta sostituzione dei mezzi di finanziamento, ma in realtà con un taglio secco, è molto grave”.
 
I condoni “sono una rovina per le entrate visto che rendono sempre meno del previsto e nel caso di quelli fiscali rendono impossibile recuperare anche crediti assolutamente recuperabili. Il condono edilizio è uno scempio ambientale e non vogliono neppure pensare che venga attuato. Dall’altro lato, visto che siamo in un anno pre-elettorale, credo sia solo un modo per accaparrarsi voti. Ma sono cose inguardabili”.
 
Fra le strade per recuperare fondi “innanzitutto non bisogna buttar via risorse, come gli 800 milioni ipotecati quest’anno per la flat tax incrementale degli autonomi” sottolinea. Per il Pd “la priorità delle priorità” da finanziare “è il sistema sanitario a cui occorre destinare almeno 4 miliardi come chiedono tutte le regioni per evitare che la sanità finisca quasi in bancarotta”.

Ultimi articoli

Correlati

Congedo paritario pagato al 100% per entrambi i genitori

Schlein: "La destra al Governo parla tanto di famiglie tradizionali, ma non fa nulla per tradurre la sua retorica in realtà"

Zan: “L’Italia è l’ultimo Paese fondatore Ue senza una legge, la destra vigliacca tenta di nascondere la sua omotransfobia”

Difendere i diritti, la dignità e le vite delle persone lgbtqia+ significa anche difendere la nostra Costituzione. Noi ci siamo.

Contro povertà e crollo dei salari, salario minimo subito

I dati Istat di oggi denunciano il crollo verticale dei salari a fronte di crescita dei prezzi e aumento della povertà assoluta. Il governo non può continuare a voltare la faccia

Schlein: “Toti non può rimanere un minuto di più”

La segretaria dem a Repubblica: "Tutta la politica alzi la guardia. E la destra voti la nostra proposta sulla sanità pubblica"

Sulla pericolosità del Ponte sullo Stretto si susseguono le evidenze: per Salvini è tutto normale

Corrado: "Il progetto del ponte di Salvini è fallimentare e pericoloso: lo abbiamo detto fin da subito. È ora di metterci la parola fine"
spot_img