spot_img
spot_img
HomeNotizieFurfaro: "Sulle spese militari...

Furfaro: “Sulle spese militari serve un progetto dell’Ue”

A fine anno, quando la pratica tornerà in Parlamento, «il PD voterà sì all’invio di nuove armi all’Ucraina», dice Marco Furfaro, responsabile Iniziative politiche nella segreteria dem. «Ma il pacifismo è nel dna di Elly, come del mio», aggiunge, «e il sostegno a un popolo invaso, come quello ucraino, e l’aumento delle spese militari al 2% del Pil sono due discorsi diversi».
 
Sull spese militari c’è in gioco la credibilità internazionale dell’Italia, ma qui il tema è un altro: «Il rilancio del progetto di una difesa comune dell’Ue, che produrrebbe due risultati: risparmi, perché con 27 eserciti diversi c’è una proliferazione di costi. E poi è chiaro che una moneta e un esercito comuni sono le premesse per un’unità anche politica dell’Ue».
 
«Non voglio fare retorica sulle spese militari, perché dentro quel capitolo c’è la tecnologia, le spese per il personale, non è che si parla solo di baionette, ma anche di ricerca, sviluppo, lavoro. Se è tutto avvitato sullo Stato nazionale che per darsi un tono spende in carri armati, è miopia. Se invece c’è un coordinamento europeo, nel solco di Spinelli e David Sassoli, ha tutto un altro senso».
 
«Sia io che Elly siamo cresciuti nel movimento pacifista. E per questo siamo convinti che ogni popolo oppresso debba avere il diritto di resistere. Quindi sosteniamo Kiev. Ciò che manca però nella discussione pubblica è la parola pace. Che non significa resa dell’Ucraina, ma cessate il fuoco e ritiro delle truppe di Putin dal territorio ucraino. Serve uno sforzo diplomatico dell’Ue».
 
A fine anno il Pd voterà sì al nuovo invio di armi a Kiev?
«Sì, continueremo a stare dalla parte del popolo ucraino, fino a una pace giusta».

Ultimi articoli

Correlati

Schlein: “Con Meloni e Le Pen i popolari tradiscono la Ue”

La segretaria dem a La Stampa: Non vedo la differenza tra l'Afd e Zemmour. Meloni dopo di lui è pronta ad accogliere Orban e Le Pen?

No al premierato, autocrazia che minaccia la tenuta democratica

Contro "la madre di tutte le riforme" in salsa Meloni il Pd è impegnato nello scontro parlamentare, emendamento su emendamento, e sarà in piazza il 2 giugno

La proposta di legge Schlein è un’opportunità: la destra la voti per avere più risorse per la sanità

L'esame della proposta di legge a prima firma Elly Schlein sulla Sanità alla Camera "è una bella opportunità. Questa è la prima e più forte preoccupazione degli italiani"

Congedo paritario pagato al 100% per entrambi i genitori

Schlein: "La destra al Governo parla tanto di famiglie tradizionali, ma non fa nulla per tradurre la sua retorica in realtà"

Zan: “L’Italia è l’ultimo Paese fondatore Ue senza una legge, la destra vigliacca tenta di nascondere la sua omotransfobia”

Difendere i diritti, la dignità e le vite delle persone lgbtqia+ significa anche difendere la nostra Costituzione. Noi ci siamo.
spot_img