spot_img
spot_img
HomeElezioniElezioni europee, votano anche...

Elezioni europee, votano anche i fuorisede (c’è tempo fino al 5 maggio)

Le prossime elezioni europee, previste per l’8 e il 9 giugno 2024, rappresentano un appuntamento cruciale non solo per i 450 milioni di cittadini europei, ma anche per gli studenti fuori sede in Italia. Per la prima volta, infatti, circa 330 mila studenti avranno la possibilità di votare nelle città universitarie senza la necessità di tornare nei propri comuni di residenza. Ma attenzione, c’è tempo fino al 5 maggio prossimo per potersi iscrivere.

Come ci si iscrive e come si vota

Secondo la nuova legge, la 38/2024, gli studenti iscritti da almeno tre mesi a un istituto di istruzione superiore situato in una regione diversa da quella di residenza possono ora presentare domanda per votare nel comune in cui studiano. La richiesta deve essere presentata entro il 5 maggio 2024 al comune di residenza, includendo documento d’identità, tessera elettorale e un certificato di iscrizione agli studi. È possibile effettuare la richiesta anche online, scaricando un modulo dal sito del Ministero dell’Interno.

Entro martedì 4 giugno 2024, il comune di temporaneo domicilio, ovvero comune capoluogo della regione in cui è situato il comune di temporaneo domicilio, rilascerà allo studente fuori sede un’attestazione di ammissione al voto con l’indicazione del numero e dell’indirizzo della sezione presso cui votare. L’attestazione dovrà essere esibita al seggio per poter essere ammesso a votare, insieme al documento di riconoscimento e alla tessera elettorale.

Un’occasione da non perdere

Da molto tempo si chiedeva di introdurre questa importante novità per facilitare il voto, soprattutto dei più giovani. Ancora molto c’è da fare – come la possibilità di voto anche per i lavoratori fuorisede – ma è un primo, importante passo, che potrà aiutare anche a combattere, almeno in parte, l’astensionismo. Storicamente, infatti, la partecipazione giovanile alle elezioni europee è in crescita, con un incremento significativo del voto tra gli under 25 dal 2014 al 2019. Questo trend suggerisce che l’abilitazione al voto locale per gli studenti potrebbe ulteriormente aumentare l’affluenza. Ricordatevi di iscrivervi!

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da elly schlein (@ellyesse)

Ultimi articoli

Correlati

Zan: “L’Italia è l’ultimo Paese fondatore Ue senza una legge, la destra vigliacca tenta di nascondere la sua omotransfobia”

Difendere i diritti, la dignità e le vite delle persone lgbtqia+ significa anche difendere la nostra Costituzione. Noi ci siamo.
00:10:22

“L’Europa è pace, il nazionalismo la guerra”. Intervista a Brando Benifei

"Personale è politico" è il format del Partito democratico, ideato per presentare candidati e candidate alle elezione europee: parla Brando Benifei, in lista nella circoscrizione Nord-Ovest
00:10:18

“Per un’Europa più forte e di pace, contro le destre che la vogliono distruggere”. Intervista a Nicola Zingaretti

"Personale è politico" è il format del Partito democratico, ideato per presentare candidati e candidate alle elezione europee: parla Nicola Zingaretti, in lista nella circoscrizione Centro

Contro povertà e crollo dei salari, salario minimo subito

I dati Istat di oggi denunciano il crollo verticale dei salari a fronte di crescita dei prezzi e aumento della povertà assoluta. Il governo non può continuare a voltare la faccia

L’Europa che vogliamo – Manifesto elettorale 2024

Il programma elettorale del Partito democratico per le elezioni europee
spot_img