spot_img
spot_img
HomeFocusDue milioni di italiani...

Due milioni di italiani rinunciano a curarsi. La nostra mobilitazione non si ferma

La Fondazione Gimbe lancia un nuovo allarme: salute a rischio per due milioni di famiglie, mentre sale a 37 miliardi la spesa sanitaria sostenuta dalle famiglie nel 2022. È stato presentato oggi l’ultimo rapporto che la fondazione presieduta da Nino Cartabellotta ha elaborato su dati Istat. Cartabellotta invoca “urgenti politiche di contrasto alla povertà, non solo per garantire un tenore di vita dignitoso a tutte le persone, ma anche perché le diseguaglianze sociali nell’accesso alle cure e l’impossibilità di far fronte ai bisogni di salute con risorse proprie rischiano di compromettere la salute e la vita dei più poveri, in particolare nel Mezzogiorno. Dove l’impatto sanitario, economico e sociale senza precedenti rischia di peggiorare ulteriormente con l’autonomia differenziata”.

“L’analisi della Fondazione Gimbe basata su dati ISTAT conferma un trend molto preoccupante”, commenta Marina Sereni, responsabile Salute nella segreteria nazionale del Pd. “La spesa privata dei cittadini per le cure aumenta, continua Sereni, crescono le famiglie che devono rinunciare alle cure per indisponibilità finanziaria, aumentano le differenze territoriali e sociali sulla salute. Oltre 2,1 milioni di famiglie sono indigenti e non possono ricorrere alle prestazioni del mercato privato. Questa condizione è più spiccata nelle regioni del Mezzogiorno, a conferma del disastro che si produrrebbe se si approvasse la legge Calderoli sull’autonomia differenziata. Questi dati sono ancora più inquietanti se li leggiamo alla luce della notizia secondo cui il Governo si appresta a presentare il prossimo DEF senza il quadro programmatico, senza cioè dire agli italiani dove prenderanno i soldi per dare seguito a scelte “pesanti” come il taglio del cuneo fiscale o l’accorpamento delle aliquote Irpef. C’è il serio pericolo di una manovra correttiva e il timore che si nuovo si ricorra a tagli sulla spesa sanitaria, come già accaduto nelle ultime due Leggi di Bilancio, è più che fondato. La nostra mobilitazione, a fianco di operatori, cittadini e ammistratori locali, non si ferma”.

Ultimi articoli

Correlati

00:01:20

“800 milioni di fallimento elettorale”: i deputati Pd nel cantiere fantasma del governo in Albania

Il centro per i migranti voluto da Giorgia Meloni doveva essere operativo dal 20 maggio: al momento solo qualche ruspa e una desolante spianata di fango

Dopo 46 anni ancora sotto attacco: la legge 194 va difesa

Il Partito Democratico riafferma il suo impegno nella difesa della legge 194, una legge che va difesa e...

La proposta di legge Schlein è un’opportunità: la destra la voti per avere più risorse per la sanità

L'esame della proposta di legge a prima firma Elly Schlein sulla Sanità alla Camera "è una bella opportunità. Questa è la prima e più forte preoccupazione degli italiani"

Schlein: “Salario minimo sempre più urgente per alzare gli stipendi più fermi in Europa”

La segretaria dem al Manifesto: "Drammatici i dati su povertà e salari, siamo al fianco dei lavoratori. Per Meloni sarà difficile bocciare la legge di iniziativa popolare"

La sanità pubblica al bivio: una legge e quattro princìpi per costruire il suo rilancio

Sereni sul Domani: al via le audizioni sulla proposta di legge Schlein per portare l’investimento per la salute alla media europea del 7,5% sul Pil. Ecco come
spot_img