spot_img
spot_img
HomeNotizieDl Lavoro, PD: "Vergogna,...

Dl Lavoro, PD: “Vergogna, il governo taglia i fondi ai familiari vittime sul lavoro”

“Non sappiamo se è l’incapacità di un singolo ministro o collegiale. Ora il Governo, dopo essersene reso conto grazie ad articoli di stampa e all’opposizione del PD, prova a rimediare con un emendamento al gravissimo danno arrecato dalla Ministra Calderone che ha dimezzato i risarcimenti per le famiglie delle vittime degli infortuni sul lavoro. Un’altra aggressione al mondo del lavoro stoppato per l’azione dell’opposizione. Ci auguriamo che la Presidente Meloni spieghi cos’è accaduto e valuti se continuare a confermare la propria fiducia nei confronti della Ministra del Lavoro che nei mesi scorsi aveva già annunciato, discutendone con i sindacati, l’idea di un sostanziale smantellamento dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro”, così interviene Marco Sarracino, responsabile Coesione territoriale, Sud e aree interne in segreteria nazionale.

 

Debora Serracchiani, responsabile Giustizia PD, aggiunge: “Sempre la solita storia con la destra al governo. Colpiscono i più deboli, tagliano le risorse per chi non ce la fa, incentivano la precarietà. Questa volta hanno addirittura tentato di fare cassa provando a tagliare il Fondo per i familiari delle vittime di gravi infortuni sul lavoro. Una vergogna non cancellata dalla successiva retromarcia”.

 

Marco Furfaro, responsabile Iniziative politiche, Contrasto alle diseguaglianze, Welfare, le fa eco su Twitter: “Indossano felpe, si travestono da operai, fingono di essere agnelli invece che lupi, ma alla prova dei fatti eccoli qui, ancora una volta. Prima hanno cancellato il reddito di cittadinanza. Poi hanno definanziato il fondo affitti e per la morosità incolpevole. Infine, non contenti, hanno dimezzato il fondo per risarcire le famiglie dei lavoratori vittime degli incidenti sul lavoro. Famiglie che vengono colpite da un doppio dramma: la perdita della persona che amano e, magari, dell’unica in grado di portare a casa un reddito”, e chiude: “la strategia di sempre della destra: colpire le fragilità, fare cassa sugli ultimi e innescare nuove guerre tra poveri. In compenso i miliardi di euro per premiare i furbi con i condoni li trovano sempre”.

 

“Tagliano il reddito di cittadinanza e il fondo per le famiglie delle vittime sul lavoro per fare cassa. Se la prendono con i più poveri. Favoriscono gli evasori e favoriscono la precarietà. Ci opporremo in parlamento e nel Paese a questa destra di governo”, interviene Sandro Ruotolo, responsabile Informazione, Cultura, Culture e memoria, sul suo profilo Twitter.

Ultimi articoli

Correlati

Piazza della Loggia: 50 anni di depistaggi e verità nascoste

Sempre, con fierezza, in nome dell’antifascismo e dei valori della nostra Repubblica, contro ogni forma di violenza politica, continuiamo a chiedere giustizia e verità

Inaccettabile quello che è accaduto a Rafah. Bisogna fermare la follia di Netanyahu

Subito cessate il fuoco e riconoscimento dello Stato di Palestina

Perché Toti si deve dimettere subito

La Liguria non merita di rimanere immobilizzata dalla mancanza di responsabilità del governo Meloni

Schlein: “Con Meloni e Le Pen i popolari tradiscono la Ue”

La segretaria dem a La Stampa: Non vedo la differenza tra l'Afd e Zemmour. Meloni dopo di lui è pronta ad accogliere Orban e Le Pen?

No al premierato, autocrazia che minaccia la tenuta democratica

Contro "la madre di tutte le riforme" in salsa Meloni il Pd è impegnato nello scontro parlamentare, emendamento su emendamento, e sarà in piazza il 2 giugno
spot_img