spot_img
spot_img
HomeEconomia e lavoroContratti, Guerra: "Inflazione non...

Contratti, Guerra: “Inflazione non ricada solo su spalle dei lavoratori”
C

“Lo sciopero unitario delle lavoratrici e dei lavoratori del settore legno e arredo, proclamato per oggi  da Fillea Cgil, Filca Cisl e  Feneal Uil, solleva un problema che non può essere ignorato, né in questo né nei tanti altri settori che devono affrontare i rinnovi contrattuali: il peso dell’inflazione non può ricadere unicamente sulle spalle, già molto provate, dei lavoratori.”

Lo dichiara Maria Cecilia Guerra, responsabile Lavoro nella segreteria del Partito Democratico.

“Ciò  è particolarmente vero per un settore, come quello del legno e arredo, caratterizzato da una forte crescita del fatturato e dei profitti e che ha anche potuto godere di un sostegno pubblico, confermato e ampliato nella ultima legge di bilancio, sotto forma di detrazioni per l’acquisto di mobili. La volontà manifestata dalla parte datoriale, FederLegno Confindustria, di non volere procedere al rinnovo di un contratto già scaduto e di non volere accettare la reiterazione del meccanismo di difesa dei salari dall’inflazione, già previsto nel precedente contratto, appaiono privi di ogni giustificazione.”

Ultimi articoli

Correlati

Verso il Congresso del Pse a Roma: parliamo di Europa e futuro

L'appuntamento che lancia la campagna elettorale dei socialisti europei per le elezioni di giugno 2024

Pasticcio Pnrr, spesi meno della metà dei fondi. E il governo si sottrae al confronto

il governo sta danneggiando il Paese. Boccia a La Russa: "Fitto si sottrae al confronto"

Pnrr, Misiani: “Transizione 5.0 in alto mare, governo non pervenuto”

“Il programma Transizione 5.0 annunciato trionfalmente dal ministro Urso è a ‘carissimo amico’, stando a quello che riportano...

Approvato il voto per i fuori sede, Pd: grande soddisfazione ma non basta

Insisteremo perché possano votare anche i lavoratori fuori sede e chi ha problemi sanitari

“Le morti sul lavoro non sono una fatalità ma una vera tragedia”. Parla Maria Cecilia Guerra

All’indomani dell’ennesima strage sul lavoro – i cinque morti nel cantiere di Firenze – si riaccende l’attenzione su un tema che non dovrebbe mai vederla spenta: la sicurezza sul lavoro. Qual è la situazione nel nostro Paese, e cosa serve per intervenire davvero?
spot_img