spot_img
spot_img
HomeEconomia e lavoroC'è poco da festeggiare,...

C’è poco da festeggiare, col decreto Meloni più precari e meno garantiti

Non salva nulla del decreto lavoro la responsabile Lavoro Pd Maria Cecilia Guerra. Nonostante i proclami del governo Meloni, andando ad esaminare il provvedimento si ha l’impressione che questo sia più un decreto precarietà che un decreto per l’occupazione: “Non avremo più quello che hanno tutti i Paesi europei – spiega Guerra, rispondendo alle domande del giornalista di Avvenire, Nicola Pini – un sostegno che permette di poter vivere a tutte le persone che non raggiungono un livello minimo di reddito. Nessuno dovrebbe essere lasciato in una condizione priva di dignità”.

Invece, il decreto favorisce “l’utilizzo dei contratti a termine, dei voucher e prevede anche una liberalizzazione del lavoro somministrato”.

Tutto ciò sottende l’idea che ci sia “una massa di persone che deve essere disponibile a lavorare a qualunque costo”, mentre per il Pd “il lavoro va pagato in maniera dignitosa, come dice la nostra Costituzione. In alcune filiere come l’agricoltura e la logistica siamo in situazione di moderna schiavitù”.

Non solo, ma il governo nel decreto ‘salva’ parzialmente alcune categorie e ne lascia indietro altre, come “i lavoratori poveri, che in Italia sono 1 su 4, o gli studenti”, insomma “hanno creato una casistica iniqua e incomprensibile col risultato che alla fine taglierà fuori dal nuovo assegno di inclusione circa la metà delle persone che potevano accedere al reddito di cittadinanza”.

Anche la modalità con cui è stato abbassato il cuneo fiscale è pessima e irrilevante: “È sempre stata una nostra battaglia. Ma questo è un intervento spot, spalmato solo su qualche mese per far figurare una cifra tonda. Una misura provvisoria che non interviene sul disegno complessivo. Quello che serve è un riequilibrio del sistema fiscale, che oggi vede quasi solo i redditi dei dipendenti e dei pensionati soggetti alla progressività. A parità di reddito si deve pagare la stessa imposta”.

Non è serio nemmeno l’aiuto ai salari tanto sbandierato dalle destra. Spiega Guerra: “Se davvero vuoi sostenere i salari non fai un decreto che favorisce le forme di lavoro più precarie e peggio pagate. (…) Il governo deve rinnovare e i contratti pubblici e spingere le parti a rinnovare quelli privati: il 75% dei dipendenti ha il contratto scaduto mentre l’inflazione si è portata via il 15% del potere d’acquisto”.

Ultimi articoli

Correlati

Aborto, al G7 va in scena una vergogna nazionale. Meloni si scusi

Prima ancora del suo inizio, al G7 esplode il caso sulla sparizione nella bozza del diritto all'aborto. Il governo nega di averlo cancellato, ma la tensione è alta

Decaro: “Il record di voti non l’ho visto arrivare. Il Sud punisce il governo perché non dice la verità”

Il sindaco di Bari a Repubblica: "L'unico modo che conosco per guadagnare consenso è studiare, mantenere più che promettere, cercando di dire sempre la verità"

Bonaccini: “Ha vinto la squadra. Mai il Pd così unito”

Il presidente dem a QN: "Mai come ora il Pd è stato presente nei luoghi dove si discute e ci si confronta guardando negli occhi le persone"

Schlein: “Abbiamo riportato il Pd tra la gente e restituito la speranza a chi l’aveva perduta”

Elly Schlein in una intervista a Repubblica commenta il voto delle europee parlando di risultato "straordinario"

Il Pd diventa la prima delegazione nel gruppo dei Socialisti Ue

La riunione per la costituzione del gruppo è prevista per il prossimo 25 giugno
spot_img