spot_img
spot_img
HomeNotizieBonaccini: «Siamo feriti ma...

Bonaccini: «Siamo feriti ma ci rialzeremo»

L’accusa di aver cementificato il territorio?

“Guardi, non ho davvero un solo minuto per rincorrere autentiche bufale che abbiamo già smentito, come quella sui 55 milioni che non avremmo utilizzato: chi la ripropone se ne assumerà le responsabilità nelle sedi dovute”.
Lo dice in un’intervista al ‘Corriere della Sera’ il presidente dell’Emilia Romagna Stefano Bonaccini.

 

“Quanto alla cementificazione, invece, si tratta di un problema reale, che in Emilia Romagna siamo stati i primi ad affrontare approvando cinque anni fa una legge regionale sul consumo di suolo a saldo zero: abbiamo già stoppato nuove pianificazioni urbanistiche per oltre 11mila ettari di suolo, con la previsione di depianificarne altrettanti. Si tratta di una cura dimagrante senza precedenti. Da qui ai prossimi anni la priorità saranno la rigenerazione e il recupero dell’esistente, niente nuove costruzioni o nuovi quartieri. Serve, però, di più: oltre a fermare il cemento, occorre un piano nazionale che adegui strutture e infrastrutture a eventi estremi“.

 

Sui 190 milioni ricevuti per fare 23 casse di espansione, di cui ne funzionano solo 12, il Governatore dell’Emilia Romagna precisa che “negli ultimi tre anni abbiamo finanziato 4.557 interventi di difesa del suolo per più di un miliardo di euro: il 72% è stato ultimato. Quanto alle casse di espansione, 14 sono funzionanti, le altre nove sono o in progettazione o in esecuzione, o ancora in gara di appalto. Non sono certo dimenticate in un cassetto”.

 

Con il Governo, aggiunge Bonaccini, “finora abbiamo riscontrato massima disponibilità, da subito c’è stata piena collaborazione. Oltre alla gestione dell’emergenza, nella quale sono impegnati tutti i Corpi dello Stato e tantissimi operatori e volontari, che ringrazio uno a uno, stiamo lavorando coi ministri competenti a predisporre le misure necessarie: dai ristori e sostegni per famiglie e imprese, agli ammortizzatori sociali per lavoratrici e lavoratori, alla sospensione di mutui e scadenze fiscali. E alle condizioni per ripartire: non appena cadrà l’ultima goccia di pioggia, avvieremo la conta dei danni e la ricostruzione. Insieme alle parti sociali dell’Emilia Romagna abbiamo messo a punto un documento con le misure che servono e insieme ai sindaci definiremo una piattaforma che già martedì illustreremo alla presidente Meloni, che ringrazio per la vicinanza. L’Emilia Romagna è ferita ma si rialzerà“.

Ultimi articoli

Correlati

Nell’Agro Pontino un sistema agromafioso di schiavitù moderna. Va smantellato ora

A Latina un episodio frutto di un sistema di sfruttamento estremo e violenza. Sembra l'800, ma è il 2024

Ripristino della natura, passaggio storico in Ue. L’Italia ancora una volta si isola

Approvata in Consiglio europeo, è una norma fondamentale di contrasto al cambiamento climatico. Ancora una volta il Governo Meloni perde l'occasione di stare dalla parte giusta

Emergenza suicidi in carcere, il governo è inerte ma non si può aspettare oltre

44 i suicidi dall'inizio dell'anno, ma il Governo continua a voltarsi dall'altra parte. Occorre intervenire sul sovraffollamento fuori controllo e spingere sulle misure alternative

Schlein: “Assurdo che sia l’unica donna al G7 a limitare i diritti di tutte le altre donne”

La segretaria del Pd a Repubblica: "Dobbiamo costruire un piano alternativo di governo, non è il momento di perderci in polemiche: l'avversario è questa destra"

Aborto, al G7 va in scena una vergogna nazionale. Meloni si scusi

Prima ancora del suo inizio, al G7 esplode il caso sulla sparizione nella bozza del diritto all'aborto. Il governo nega di averlo cancellato, ma la tensione è alta
spot_img