spot_img
spot_img
HomeDirittiBonaccini: "In Emilia-Romagna sul...

Bonaccini: “In Emilia-Romagna sul fine vita facciamo ciò che lo Stato non fa”

In Emilia Romagna “facciamo quello che il Parlamento non ha il coraggio di fare”. Lo dice Stefano Bonaccini, presidente dell’Emilia-Romagna, in una intervista a Repubblica. “È dovuta intervenire la Corte costituzionale per riconoscere che un malato con una sofferenza insopportabile, senza alcuna speranza, attaccato a macchine per il mantenimento in vita, abbia il diritto di congedarsi dalla propria esistenza nel pieno rispetto della propria dignità e volontà. Le persone si rivolgono ai Tribunali, alle istituzioni per avere una risposta. Il Parlamento si è fatto scavalcare dalla Consulta. In attesa della legge nazionale, noi abbiamo preso l’iniziativa, forti di quanto previsto dalla Corte che ha dettato criteri rigidi”, spiega.

È stata presentata, ricorda Bonaccini, “una proposta di legge dall’Associazione Luca Coscioni che sta per essere presa in carico dall’aula. Più in generale, penso che fare 20 leggi regionali sul fine vita sarebbe ridicolo. Perciò io aspetto l’iniziativa del Parlamento”. Però, aggiunge il governatore dell’Emilia-Romagna, “la nostra delibera è la prima risposta che siamo stati in grado di dare. Vuol dire che in Emilia-Romagna si può”.

“In questi anni – continua Bonaccini – ho ascoltato tante storie di persone e famiglie nel dolore di una malattia irreversibile e senza nessuna norma certa. Tanti si sentono abbandonati dallo Stato. Perciò, ma lo dico con umiltà, l’Emilia Romagna si mette al servizio della libera volontà delle persone”. C’è il rischio di un ricorso al Tar per la delibera e che il Governo impugni l’atto regionale? “Nel rispetto delle competenze di tutti – osserva il Presidente della Regione Emilia-Romagna – ciascuno ha la propria autonomia. Una consigliera forzista minaccia di rivolgersi al Tar. Desidero segnalare che la decisione che abbiamo preso ha il sostegno di tutta la maggioranza, nessuno escluso”.

Da sempre “sono a favore di una legge sul fine vita. Rispetto però le sensibilità, le convinzioni e le posizioni di tutti” e sul caso Veneto “ho detto subito: nessuna sanzione”. Quanto alle critiche di poco coraggio mosse dai pentastellati, “i 5 Stelle chiedono di arrivare a una legge. E infatti partirà l’iter della legge”, assicura il presidente Pd. “Ma un primo passo formale con la delibera è stato fatto e garantisce il diritto del malato sancito dalla Consulta”. Bonaccini non ha dubbi che Elly Schlein “sia al nostro fianco – sottolinea -. Sono la maggioranza e il governo Meloni che si stanno sottraendo al loro dovere. Sono loro a latitare”.

 

Ultimi articoli

Correlati

Aborto, al G7 va in scena una vergogna nazionale. Meloni si scusi

Prima ancora del suo inizio, al G7 esplode il caso sulla sparizione nella bozza del diritto all'aborto. Il governo nega di averlo cancellato, ma la tensione è alta

Decaro: “Il record di voti non l’ho visto arrivare. Il Sud punisce il governo perché non dice la verità”

Il sindaco di Bari a Repubblica: "L'unico modo che conosco per guadagnare consenso è studiare, mantenere più che promettere, cercando di dire sempre la verità"

Bonaccini: “Ha vinto la squadra. Mai il Pd così unito”

Il presidente dem a QN: "Mai come ora il Pd è stato presente nei luoghi dove si discute e ci si confronta guardando negli occhi le persone"

Schlein: “Abbiamo riportato il Pd tra la gente e restituito la speranza a chi l’aveva perduta”

Elly Schlein in una intervista a Repubblica commenta il voto delle europee parlando di risultato "straordinario"

Il Pd diventa la prima delegazione nel gruppo dei Socialisti Ue

La riunione per la costituzione del gruppo è prevista per il prossimo 25 giugno
spot_img