spot_img
spot_img
HomeNotizieBonaccini: «Basta litigi nel...

Bonaccini: «Basta litigi nel centro-sinistra non facciamo regali alle destre»
B

“Ci sono battaglie da fare in parlamento e nel paese, fra le persone. È giusto essere presenti nelle manifestazioni di altri, quando se ne condivide la piattaforma. Ma è altrettanto naturale che la più grande forza di opposizione organizzi una sua mobilitazione”.
 
Così Stefano Bonaccini, Presidente dell’Emilia Romagna e dell’Assemblea nazionale PD in un’intervista a Domani
 
Quello di Schlein è un PD di piazza?
 
È un PD impegnato a contrastare le politiche di un governo e a costruire un’alternativa, fuori e dentro il parlamento, provando a costruire proposte comuni con le altre forze di opposizione. Sul salario minimo legale c’è una proposta di legge deposita- tanti, volontari, simpatizzanti è ta alle camere e che la destra si di essere in campo con un’oppoostina a bloccare, ignorando sizione più efficace e proposte che 3,5 milioni di persone oggi credibili.
 
Le opposizioni denunciano una sanità prossima al collasso.
 
Quello che sta succedendo è incredibile: il governo dice no ai 4 miliardi l’anno in più sul Fondo sanitario nazionale chiesti dal suo stesso ministro alla Salute, e da tutte le Regioni, comprese quelle guidate dal centrodestra. La lezione del Covid è già stata dimenticata. Meloni non può onorare le promesse fatte in campagna elettorale perché erano troppe e contraddittorie. Credo che anche molti elettori di destra non condividano i tagli alla sanità: non sono tutti ricchi.
 
La premier ha detto che il problema non sono i soldi ma l’efficientamento della spesa. Ce l’ha con le regioni?
 
L’ultima analisi fatta sui bilanci delle Regioni dalla Corte dei Conti ha messo a confronto spesa sanitaria pro-capite e livelli di assistenza garantiti ai cittadi nei diversi territori. Insieme alla Provincia autonoma di Trento, l’Emilia-Romagna è quella che meglio coniuga efficienza della spesa e prestazioni. L’Emilia-Romagna non ha lezioni prendere da Meloni. La verità è che bisogna aumentare gli stipendi di medici e infermieri, che dal pubblico vanno nel privato; bisogna permettere ai giovani di entrare a medicina, perché mancano i professionisti; realizzare le Case della salute, che invece il Governo sta tagliando rispetto al Pnrr. Il governo taglia la sanità e dice ai cittadini di arrangiarsi”.
 
Ma le opposizioni non riescono a unirsi su una proposta comune.
 
Lo abbiamo fatto sul salario minimo garantito e lo stiamo facendo sulla sanità. Il governo prevede di riportare la spesa sanitaria al 6 per cento del Pil, tagliando ancora sulla pelle dei cittadini e mettendoci agli ultimi posti in Europa. In Emilia-Romagna stiamo approvando una proposta di legge da inviare al Parlamento per portare la spesa sanitaria almeno al 7,5 per cento del Pil e per togliere i vincoli alle spese del personale sanitario, visto che mancano medici e infermieri.
 
Sui migranti Meloni ora cerca la collaborazione dei paesi della Ue?
 
Mi auguro ci riesca, dopo un anno di proclami che non hanno portato a nulla. Sulla gestione degli arrivi e dell’accoglienza serve una risposta che sia dell’Ue, a cominciare dalla creazione di vie d’arrivo sicure per chi fugge da guerre e crisi drammatiche e da una equa ripartizione dei migranti. Ma temo che aver urlato per anni “porti chiusi” o “prima gli italiani” non la aiuterà: ha scelto come alleati Vox, Orban e Marine Le Pen che ci dicono di arrangiarci”.
 
A che punto sono i finanziamenti per ralluvione e per la ricostruzione?
 
Con il commissario Figliuolo stiamo lavorando bene. Ma anche lui deve essere messo nelle condizioni di agire. I numeri non mentono: la stima complessiva dei danni è di 8,7 miliardi, finora il governo aveva stanziato 4,3 miliardi, in tre anni, dai quali vanno tolte non solo la parte destinata a Marche e Toscana, ma anche le centinaia di milioni che si sono ripresi nelle casse dello stato dopo averli promessi alla Romagna col primo decreto: mi riferisco alle risorse non spese per gli ammortizzatori sociali e quello che erano destinate alle imprese esportatrici. Famiglie e imprese non hanno ancora ricevuto nulla e senza il credito d’imposta non ci sarà mai la copertura al 100 per cento degli indennizzi promessi: da cinque mesi dicono no, ma scommetto che dovranno ricredersi anche su questo.

Ultimi articoli

Correlati

Approvato il voto per i fuori sede, Pd: grande soddisfazione ma non basta

Eravamo rimasti fra i pochi in Europa a non aver ancora regolamentato il voto degli italiani che, per...

Impennata dei minori detenuti, la giustizia minorile non meritava il dl Caivano

Presentato il settimo rapporto Antigone sulla giustizia minorile. Serracchiani: "Hanno stravolto il processo minorile"

Al via finalmente il processo Regeni: una giornata importante

Noi continuiamo a stare a fianco della famiglia nella ricerca di verità e giustizia
00:54:55

Direzione Pd, la relazione di Elly Schlein: “Senza di noi nessuna alternativa alla destra”

Direzione nazionale del Partito Democratico, la relazione introduttiva della Segretaria Elly Schlein. Crollo Firenze: serve nuova cultura del lavoro "Il...

La sicurezza dei lavoratori prima di tutto: basta sub appalti a cascata

L'idea della segretaria dem: "Chiediamo si estenda anche al privato l'obbligo di utilizzo del contratto edile"
spot_img