spot_img
spot_img
HomeNotizieBoccia: «Schlein fra gli...

Boccia: «Schlein fra gli operai. Con lei è finito il partito delle Ztl»
B

Senatore Francesco Boccia, lo spread sale, la nota di aggiornamento al Def è all’esame di Bruxelles. Come uscirà il governo Meloni dalla prova della legge di bilancio?
“Ne uscirà male perché ci è entrata barando. Fanno una manovra bonsai dopo aver smentito tutte le previsioni fatte nel Def approvato in aprile. La cosa più preoccupante è il saldo primario: passano dal programmatico a 0,3 a -0,2. È la diffenenza reale tra entrate e spese. Non aumentano le entrate se non una tantum con i soliti condoni della destra che riduce sempre più la base imponibile, anziché allargarla, per abbassare la pressione fiscale a tutti. Il deficit aumenta e passa dal 3,7 al 4,3”.
 
“Taglieranno sanità, trasporti e scuola danneggiando i più deboli che intanto con il petrolio a 90 dollari al barile, gas ed energia in aumento non vedranno la diminuzione dell’inflazione”.
 
Per la destra, anche gli arrivi dei migranti sono colpa dell’Europa.
“Ma per carità. Oltre all’orrore umano di far propaganda sulla vita dei più disperati, rendono l’Italia più fragile e insicura. Con Meloni al governo siamo al caos totale. Sono aumentati a dismisura gli ingressi irregolari, hanno tolto risorse e poteri ai sindaci e litigano con tutti in Ue”.
 
PD. “Elly Schlein ha chiuso il partito dei governi tecnici e delle ztl. Risponde a una domanda nuova di politica alla quale partecipano giovani e molti di quelli che non votavano più. Ieri davanti alla Marelli, gli operai ringraziavano Elly e le chiedevano di non mollare. Così come avviene ogni giorno per strada, perché un grande partito di massa di sinistra è la loro speranza. Anche per questo è surreale il dibattito alimentato tra gruppi di potere e correnti”.
 
“Elly Schlein è orgogliosamente progressista, e pertanto riformista. È una leader socialista, è liberai su alcune questioni economiche forse anche più liberal di me che ho una formazione un po’ più statalista, ed è anche garantista. Ha ragione Bersani: di lei si fa un racconto macchiettistico. Sa perché? Perché riempie le piazze proprio per il profilo che ha impresso al nuovo PD. Dovremmo dire che finalmente c’è un PD con un’identità chiara”.
 
“Schlein sta attuando le tesi della mozione con la quale ha vinto il congresso, che partivano da un forte europeismo, dalla giustizia sociale, dai diritti universali e civili, la lotta ai cambiamenti climatici, l’innovazione. Sbaglia chi guarda al PD con gli occhi di ieri”.
 
“Elly lavora per unire sempre e comunque, e per essere alternativi alla destra. Non per essere alternativa ad un altro partito dell’opposizione”.

Ultimi articoli

Correlati

Verso il Congresso del Pse a Roma: parliamo di Europa e futuro

L'appuntamento che lancia la campagna elettorale dei socialisti europei per le elezioni di giugno 2024

Pasticcio Pnrr, spesi meno della metà dei fondi. E il governo si sottrae al confronto

il governo sta danneggiando il Paese. Boccia a La Russa: "Fitto si sottrae al confronto"

Approvato il voto per i fuori sede, Pd: grande soddisfazione ma non basta

Insisteremo perché possano votare anche i lavoratori fuori sede e chi ha problemi sanitari

Al via finalmente il processo Regeni: una giornata importante

Noi continuiamo a stare a fianco della famiglia nella ricerca di verità e giustizia
00:54:55

Direzione Pd, la relazione di Elly Schlein: “Senza di noi nessuna alternativa alla destra”

Direzione nazionale del Partito Democratico, la relazione introduttiva della Segretaria Elly Schlein. Crollo Firenze: serve nuova cultura del lavoro "Il...
spot_img