spot_img
spot_img
HomeNotizieAmministrative, Baruffi: "Risultati nell'insieme...

Amministrative, Baruffi: “Risultati nell’insieme insoddisfacenti”

Dai ballottaggi di oggi esce un esito complessivamente negativo, se misurato sui Comuni capoluogo al voto.

La bellissima vittoria di Giacomo Possamai a Vicenza, strappata alla destra, al pari di quelle di altre città medie, non cancella l’amarezza del risultato generale. Segnato da sconfitte, a partire da quelle di Ancona e di Brindisi, così come dal mancato risultato nelle tre città toscane di Pisa, Massa e Siena, dove pure eravamo riusciti a portare al ballottaggio la destra.

Certamente più equilibrato il dato complessivo delle altre città medie al voto, dal Piemonte alla Lombardia, dalla Puglia alla Campania, anche con diverse amministrazioni importanti strappate al centrodestra – da Novi Ligure a Cologno Monzese -, risultati eclatanti come a Torre del Greco e in altre belle vittorie in Puglia, e con una riconferma abbastanza generale delle nostre amministrazioni uscenti.

Non si tratta di un voto politico, né lo abbiamo mai caricato di questo valore. Ciò non toglie che il risultato nell’insieme non ci soddisfa. Ci conferma anzi ciò che sapevamo, che servirà del tempo per ricostruire una proposta efficace di un centrosinistra nuovo e competitivo: al congresso di solo tre mesi fa avevamo parlato di una traversata nel deserto e nessuno pensa di farla in poche settimane, così come nessuno pensa di arrendersi alla prima difficoltà.

Spero che questa responsabilità che sentiamo, di offrire agli elettori un’alternativa a questa destra, non riguardi solamente il Partito Democratico. Serve uno scatto da parte di tutti. I nostri avversari hanno la capacità, anche quando divisi, di presentarsi uniti. Se crediamo che al Paese serva qualcosa di diverso allora dobbiamo offrirglielo.

Ultimi articoli

Correlati

Piazza della Loggia: 50 anni di depistaggi e verità nascoste

Sempre, con fierezza, in nome dell’antifascismo e dei valori della nostra Repubblica, contro ogni forma di violenza politica, continuiamo a chiedere giustizia e verità

Inaccettabile quello che è accaduto a Rafah. Bisogna fermare la follia di Netanyahu

Subito cessate il fuoco e riconoscimento dello Stato di Palestina

Perché Toti si deve dimettere subito

La Liguria non merita di rimanere immobilizzata dalla mancanza di responsabilità del governo Meloni

Schlein: “Con Meloni e Le Pen i popolari tradiscono la Ue”

La segretaria dem a La Stampa: Non vedo la differenza tra l'Afd e Zemmour. Meloni dopo di lui è pronta ad accogliere Orban e Le Pen?

No al premierato, autocrazia che minaccia la tenuta democratica

Contro "la madre di tutte le riforme" in salsa Meloni il Pd è impegnato nello scontro parlamentare, emendamento su emendamento, e sarà in piazza il 2 giugno
spot_img